…di cerimonie

Domani sarà di scena la Fr@.

Tutte le attenzione e gli sguardi pieni d’amore per la nostra princess.

La Fr@ riceverà la sua Prima Comunione.

Tutto é pronto.

Le prove in Chiesa, la confessione, i posti assegnati.

Il ristorante, gli addobbi, i piccoli particolari.

Tutto pronto per festeggiare questa bambina dagli occhi verdi ed il sorriso sempre pronto.

…di mamma (la mia)

Oggi è il suo compleanno.

Il primo senza papà.

Nella pausa pranzo sono andata da lei incuriosendola con la vaschetta di insalata mista già pronta, quelle che hanno all’interno i condimenti e la forchettina.

Il suo piccolo mondo di novità si é arricchito anche di questa scoperta.

Le ho detto che saremmo passati in serata a farle gli auguri, così siamo arrivati tutti, noi con il regalino e mio fratello con la torta.

Il tempo di fare delle foto, qualche piccolo video ed eravamo seduti a gustare la torta e lo sguardo andava al posto vuoto sul divano.

Lei che continua con le sue abitudini.

Lei che con i capelli completamente bianchi che spiccano sugli abiti neri,imperterrita pedala sulla sua bici con il bastone infilato in borsa.

Lei che a chi le chiede come mai porta il lutto, risponde che cinquantasette anni di matrimonio valgono almeno una maglietta e una gonna nera.

A te mamma auguri e grazie di essere ancora qui a romperci le scatole.

…di post-Natale

Oggi oltre a fare gli auguri ad Estraneo, la giornata è dedicata al dopo regali, al dopo pranzo, al dopo chiacchiere.

Ieri il momento pranzo era inziato un po’ in salita, mio padre da circa un anno non esce più di casa, ha avuto problemi alle gambe e pur se ormai la fase acuta è passata gli è rimasta una totale assenza di voglia di socialità legata anche al crollo fisico e mentale di qualche anno fa.

Passando le ore si è ripreso ed è stato di compagnia, mangiando e parlando seppur con una assenza tangibile dell’uomo che era un tempo e che sempre mi provoca un dolore al cuore quando ci penso.

Il pranzo l’ho servito in modo abbastanza veloce proprio per non fargli pesare troppe ore fuori dalla sua casa, tutte portate classiche che hanno accontentato palato e problemi gastrici dei “giovanotti” di  famiglia.

La Fr@ era la principessa della casa, lei è stata la marcia in più di questi nonni che in tre raggiungono 250 anni, presa dai regali ricevuti da questo Babbo Natale  generoso si è lasciata anche coccolare ed ha fatto ridere i nonni come bambini.

Estraneo è comunque il ragazzo di casa, l’imminente uomo di famiglia, il nipote grande che supera in altezza i nonni.

I regali son stati tutti belli ed apprezzati, persino gli abiti presi ad Estraneo son stati una scommessa, ma a quanto pare nonostante le numerose litigate siamo ancora sulla stessa lunghezza d’onda e lui ne è stato felice.

La Fr@ ha ricevuto tra i molti doni anche il regalo inaspettato di una “nonna” acquisita, un classico, anzi un classicino  che ogni bambina dovrebbe avere nella sua piccola biblioteca personale, un libro che la farà divertire ed emozionare e le farà sognare di essere ogni volta una delle quattro sorelle diverse.

C’è stata la sorpresa di capire di essere apprezzati da una conoscenza che pensavamo ancora superficiale, ci ha lasciato un po’ spiazzati. Ci sono stati momenti in cui abbiamo raffreddato molto alcuni scambi umani e questa occasione ha un po’ sciolto la patina di diffidenza che si era formata.

Anche questo è Natale.

…di ragazze “mature”

Oggi c’è una ragazza piccolina di statura con occhiali un po’ grandi come son di moda in questi anni, due occhi nocciola e una grande massa di capelli castani un po’ mossi, che in questi cinque anni la sua sveglia é stata alle sei e un quarto del mattino e il suo ritorno alle sedici di pomeriggio, che oggi inizia la maturità.

Questa zia un po’ originale (a parere dei suoi genitori) le ha inviato un mess raffiguranti un lupo, una balena ed una cacca.

Nipote grande, tu sei sempre la nostra patatona dolce e sorridente,non mi par vero che sei arrivata alla maturità e che già viaggi in auto.

Amore dolce che vada tutto bene.

 

A.

 

.

 

.