…di niglio

Niglio ieri é stato portato dal veterinario esperto in esotici per la sterilizzazione.

Ha espresso tutto il suo disappunto alla vista dei trasportino battendo stizzito la sua zampa posteriore.

Arrivati in studio lo abbiamo affidato al veterinario con anche le sue verdure, fieno e pellet, perché i nigli non devono rimanere mai a digiuno per troppo tempo.

Il tempo a casa in attesa della chiamata é stato abbastanza lungo e soprattutto mancava lui con il suo zompettare in mezzo ai piedi ed immancabilmente sdraiato nei posti dove devi passare.

Siamo andati a riprenderlo ed era molto offeso. Arrivati a casa é andato a mettersi nel suo angolino dietro la tenda e come risposta alle coccole si é girato ed allungato mostrandomi il suo ponpon.

Nemmeno la vicinanza del pellet di cui al solo sentire il rumore della busta corre anche se fosse dall’altra parte della casa.

Eravamo tutti mogi e preoccupati se non avesse ripreso a mangiare e bere oggi sarebbe dovuto tornare dai veterinario.

Il consulto con una ragazza del gruppo nigli ha sbloccato la situazione, gli ho dato delle foglie secche e l’appetito piano piano é tornato.

Stamani ha accolto il nostro risveglio come sempre facendo il suo verso e cercandoci per darci i bacini.

Mannaggia a te piccola palla di pelo… Ci hai proprio rubato il cuore.

Annunci

…di scelte.

Il mondo dello sport ha sostanzialmente tre tipi di genitori che seguono le imprese dei figli.

I normali, quelli che accompagnano, riprendono, salutano e si fanno i cavoli loro.

I ruffiani o lecca lato b, che sorridono a tutti, mettono sempre la testa nell’area allenamento, diventano amici degli allenatori, se c’è da fare qualcosa sono in prima fila.

I rompiballe, quali a cui non va mai bene niente, gli orari, la palestra, i materiali, i colori, il genere umano in toto.

Poi ci siamo noi.

Dopo anni di calcio abbiamo sviluppato l’intuito di capire chi abbiamo davanti, sentiamo puzza di leccaculo da lontano.

Noi facevano parte dei normali, poi una questione della scorsa primavera ci ha fatto incazzare a livelli molto alti.

Abbiamo passato l’estate a pensare al da farsi, sono maturate nel tempo diverse versioni sino al raggiungimento della decisione che noi non siamo capaci di leccare il culo.

Perciò rompiamo i coglioni.

Rompere però in modo intelligente, esponendo dei fatti e lanciare la responsabilità di ciò che avverrà nelle prossime settimane nelle mani di chi ha interesse ad avere le quote associative.

Dopo aver parlato ed essermi svuotata le scarpe dai sassi, risalendo in auto con la radio accesa la prima notizia era l’arrivo di un nuovo uragano mio omonimo.

Ho riso.

Sì ero proprio arrivata e la soddisfazione é stata tanta.

…di vacanze

Le ferie sono iniziate.

Già dalla scorsa settimana, con un abbuono di tre giorni sulla prevista ultima e piena settimana lavorativa, la pausa estiva tanto sospirata é iniziata.

Si é tutti insieme nella nostra amata valle. A volte in pace a volte irosi, perché l’intravvedere la luce in fondo al tunnel non vuol certo dire che non ci siano più scontri (anche se in effetti uno lo spererebbe).

Il sole ed il caldo ci stanno regalando belle giornate di camminate escursionistiche.

Sto cercando di mantenere un buon ritmo e fisicamente ne sento i benefici.

Tutto allenamento che mi sarà utile per il ritorno in palestra.

Settembre sarà #adessoomaipiú

…di aggiornamenti (oggi sì)

Poco più di un mese è passato dall’inizio dell’anno.

Estraneo ha iniziato la quartaBis , lui dice che avendo cambiato prof di matematica si trova meglio, a noi non sembra che ci sia tutto questo nuovo coinvolgimento però almeno tre quaderni e qualche matita le ha acquistate, siamo in attesa di vedere se basteranno per tutto l’anno scolastico o se ci saranno nuovi acquisti.

In auto ha preso una discreta mano, se non contiamo due multe per entrata non autorizzata in ztl, forse quel giorno non era presente alla lezione teorica.  Agli allenamenti si reca da solo e spesso ci dice : “é faticoso eh!”. Già, lo diceva sempre anche suo papà quando lo scarozzava e lui faceva presenza al suo fianco adesso lo prova sulla sua pelle cosa significa fare sacrifici (per quanto si possano chiamare così).

La Fr@ ha iniziato la seconda classe della scuola primaria con una nuova maestra prioritaria (di buona fama come insegnamento), ma con una supplente di una supplente per le materie di storia, scienze e geografia. La titolare del posto dovrebbe arrivare a marzo e la maestra prioritaria ha detto che dobbiamo ringraziare di aver trovato questa perchè tante si sono rifiutate di accettare il posto.

Ok il discorsone sul fatto che con tanti maestri a spasso qui si fatichi a trovare dei supplenti e che si dia il posto “fisso” ad una maestra a casa in maternità (così parlano le voci di piazzale) ve lo risparmio, ma poi per favore che chi venga dopo non si lamenti che i bambini non sono preparati…esticazz!

La Fr@ ha cambiato attività sportiva e pur rimpiangendo la precedente con questa è stato amore a prima spaccata.

Noi ci si barcamena come al solito e cerchiamo di ritagliarci dei piccoli spazi personali, anche solo per un piccolo aperitivo.

C’è stato un piccolo momento in cui la voglia di pelosi in casa si è fatta avanti, l’abbiamo risolta io facendo la ceretta, Marito la barba ed accendendo il virobì che gira per casa da solo.

Alcune sere arriviamo davvero sui gomiti sul divano e l’idea di un peloso per casa fosse anche  solo un coniglio pur piacendoci ci fa temere un repentino pentimento e questo non è bello. Perciò continuiamo a coccolare i cagnolini e il gattino della Tata.

A proposito della storica Tata della Fr@ (ve la ricordate sì? ) E’ diventata a sua volta mamma di un bellissimo maschietto e siamo tutti pazzi di questo esserino dal faccino già cazzuto e la Fr@ orgogliosamente dice di essere la sua baby sitter o sorella maggiore.

 

farfalle
+++ during Day 7 of the Rhythmic Gymnastics World Championships 2015 at Porsche Arena on September 13, 2015 in Stuttgart, Germany.