…di messaggi

Quello che mi piace dei social sono i commenti.

Li leggo quasi tutti e mi diverto a seguire i vari insulti in cui nessuno legge l’altro ed ad oltranza tutti mantengono il loro punto di vista.

Nel tempo sono arrivati anche i commenti memorabili, TripAdvisor…

Stupendo, meglio di un film comico.

All’inizio era YouTube, poi fb e tutti gli altri, non immaginando che il meglio doveva arrivare con i gruppi whatsapp.

In un gruppo hanno specificatamente scritto che per aderire ad una iniziativa si doveva confermare in privato all’amministratore del gruppo.

Ovviamente alcuni dove hanno confermato? Nel gruppo!

Analfabetismo funzionale prendimi e portami via.

Annunci

…di parti “giuste”

Più che le europee, sono state le elezioni comunali a fare appassionare l’Agry famiglia.

Uno scontro iniziato da quasi cinque anni con esagerazioni da parte di uno schieramento a livello di stalkeraggio social.

Nascondendosi dietro la parola giornalista l’arroganza e la maleducazione hanno tartassato spesso senza motivo il sindaco in carica

Arrivato il momento urne, il feroce oppositore si è candidato sicuro di vincere ed invece ha preso una batosta senza eguali.

Il fatto davvero fastidioso è che le persone che non hanno creduto in lui sono additate come ignoranti.

Questa è una cosa che non sopporto.

Quanta arroganza c’è nel giudicare il voto delle altre persone? Questo in ogni contesto, perché la “tua” idea dev’essere forzatamente quella giusta? Potrei dire la stessa cosa, ma per me esiste il rispetto dell’idea diversa e della libertà di poterlo dire senza essere tacciata di ignoranza.

Pochi sono stati “signori’ nell’ammettere una sconfitta politica con dignità, altri solo a piagnucolare.

…di Natale ed auguri

Ieri sera, mentre con la fr@ stavamo preparando il tavolino per Babbo Natale, lei mi racconta che un suo compagno di scuola le ha detto, con tono abbastanza saputello, ma i tuoi genitori non ti hanno ancora detto niente? Guarda che non esiste Babbo Natale. Lei da femmina pienamente ferma nei suoi pensieri non ha vacillato e gli ha risposto che se lui non ci credeva erano affari suoi, che lei ci credeva ed aveva le prove. Aveva sentito lo scampanellio della slitta.

Io l’ho guardata per vedere se arrivasse la fatidica domanda di conferma e no anche per quest’anno nessun dubbio, in un certo senso sono contenta, scoprirlo alla vigilia non sarebbe stato tanto bello, meglio un po’prima da avere il tempo di metabolizzare.

Perciò l’attesa c’è stata, il rito di preparazione attuato ed adesso aspettiamo che si svegli.

Sarà un Natale un pochino triste per via della mancanza di un altro nonno, ormai al tavolo siamo tutti comodi, nessun lato da piazzare con un bambina ed un adulto per recuperare spazio.

Sarà però un Natale sereno, l’allegria del giorno ci sarà grazie a Fr@ ed anche ad Estraneo che parte avviato verso una nuova fase della sua vita neuronale.

Non è stato riconfermato al lavoro, ma lui molto razionale forse si sarebbe stupito del contrario, si fanno passare le feste e poi si si vedrà.

Auguri a voi tutti, Buon Natale.

…di sole

Il sole così bello e così infingardo.

É giusta la raccomandazione degli ultimi anni di proteggere la pelle.

Il melanoma potrebbe essere in agguato.

Ripenso a quando, io pelle chiarissima, mi ostinavo a voler prender colore.

La maturità degli anni che passano mi hanno fatto, con il tempo, aumentare i filtri solari e ridurre le ore di esposizione.

Mi sono informata sulle creme o make-up con filtri per essere protetta sempre anche quando semplicemente esco a comprare il pane.

Di melanoma si muore.

Un neo banale si trasforma e la vita cambia.

Una persona di famiglia è mancata questa settimana, era in cura da quattro anni, ha lottato contro questo tumore con molta forza.

Sarà stato il sole? Sarà una predisposizione? Non lo sappiamo.

L’importante è cercare di prevenire esattamente come per tutti i tipi di tumore.

… Ed in fondo il colore chiaro è sempre stato sinonimo di aristocrazia.