… di saggezza in pillole

Succede che glitter girl sia da un mese e mezzo in vacanza, ho richiesto congedo parentale covid e ci siamo godute il nostro posto del cuore.

In mezzo ai monti la Glitter girl coltiva le sue amicizie ed allunga di un’ulteriore quarto d’ora il coprifuoco serale.

Lei è la piccola del gruppo e fa sorridere come al nome degli amici segua 08-07-06 ovvero l’anno di nascita.

Il top si è raggiunto un pomeriggio in cui sono stata invasa dal gruppone, si sono accomodati, ascoltato musica e le femmine si acconciavano i capelli, mentre i maschi facevano i maschi.

Una vocina cristallina ad un certo punto ha esclamato: Diglielo che è bella, non devi mica vergognarti. Se per te è bella glielo devi dire, ad una ragazza piace sentirselo dire.

Ah ok… Ha ancora dieci anni sì?

… di finali.

La fine di queste vacanze ha visto il rafforzarsi delle amicizie vacanziere. Il nostro gruppo “giovane” del quartiere di piazzola ha trovato la consacrazione nell’aver lo scambio di Cell e il gruppo WhatsApp per tenersi aggiornati sulle nostre presenze o anche solo un saluto.

Amicizie tranquille e rispettose degli altrui spazi senza sentirsi obbligati di fare le stesse cose insieme.

É assodato che quando si improvvisa é tutto più naturale e divertente.

Ieri sera quello che doveva essere un semplice aperitivo di fine vacanza é diventato un’apericena con i sacri crismi con tutto e di più creato con fantasia svuotando i nostri frigoriferi, pasta finale piccantina e pinzimonio rinfrescante e sgrassante.

Bottiglie di prosecco a svolgere il difficile compito di idratare la felice compagnia.

Oggi giornata di bagagli per tutti.

I bambini hanno già i musoni lunghi perché la libertà di movimento che hanno qui a casa non c’è.

Io sono dispiaciuta, perché il non avere orari mi piace, ma nello stesso tempo ho anche voglia della mia routine quotidiana.

Sono state vacanze sportive, belle camminate a volte forse un po’impegnative per il mio fisico poco allenato, ma sono contenta di non aver ceduto alla pigrizia e di arrivare con orgoglio al bancone della palestra con la fierezza di aver mantenuto il monito di essere attiva.