…di prevenzione

Il mese di ottobre é il mese della prevenzione.

A volte mi pongo domande esistenziali del perché di certe scelte.

Ieri sono giunta alla conclusione (personalissima) che ottobre é il mese della prevenzione perché è il periodo in cui effettivamente una (io) pensa a sé stessa.

Ad inizio anno c’è il dopo feste, la preoccupazione di una dieta, in estate il caldo e le vacanze, a settembre l’inizio scolastico da programmare, a novembre e dicembre il Natale che incombe, perciò rimane ottobre. Un mese tranquillo di passaggio, di assestamento della vita famigliare.

Quindi ieri con la coscienza un po’ sporca ( il mio anno dal precedente controllo era scaduto a gennaio) , perché se qualche mannaia doveva colpirmi avrebbe avuto il tempo di fare seri danni, mi sono recata alla sede lilt http://www.legatumori.it vicino a casa ed ho fatto il servizio completo. Visita, mammografia ed ecografia. Tutto bene.

Adesso che però il mio anno di scadenza é passato ad ottobre penso che riuscirò ad essere più precisa nei controlli.

Non si scherza.

I controlli preventivi devono essere fatti.

Annunci

…di scelte.

Il mondo dello sport ha sostanzialmente tre tipi di genitori che seguono le imprese dei figli.

I normali, quelli che accompagnano, riprendono, salutano e si fanno i cavoli loro.

I ruffiani o lecca lato b, che sorridono a tutti, mettono sempre la testa nell’area allenamento, diventano amici degli allenatori, se c’è da fare qualcosa sono in prima fila.

I rompiballe, quali a cui non va mai bene niente, gli orari, la palestra, i materiali, i colori, il genere umano in toto.

Poi ci siamo noi.

Dopo anni di calcio abbiamo sviluppato l’intuito di capire chi abbiamo davanti, sentiamo puzza di leccaculo da lontano.

Noi facevano parte dei normali, poi una questione della scorsa primavera ci ha fatto incazzare a livelli molto alti.

Abbiamo passato l’estate a pensare al da farsi, sono maturate nel tempo diverse versioni sino al raggiungimento della decisione che noi non siamo capaci di leccare il culo.

Perciò rompiamo i coglioni.

Rompere però in modo intelligente, esponendo dei fatti e lanciare la responsabilità di ciò che avverrà nelle prossime settimane nelle mani di chi ha interesse ad avere le quote associative.

Dopo aver parlato ed essermi svuotata le scarpe dai sassi, risalendo in auto con la radio accesa la prima notizia era l’arrivo di un nuovo uragano mio omonimo.

Ho riso.

Sì ero proprio arrivata e la soddisfazione é stata tanta.

…di scuola

Estraneo affronta l’ultimo anno, si spera, delle superiori.

Il bonus bocciatura l’abbiamo già usato e spererei di non vincerne altri.

La Fr@ oggi inizia il suo terzo primo giorno di scuola.

Non vede ora di studiare la preistoria.

Io mi auguro solo che non si dimentichi un’altra volta le tabelline.

Buona scuola a tutti, da entrambi i lati della cattedra.

…di ripassi

Quest’anno sono in ritardissimo con il ripasso scolastico.

Manca ancora metà programma inglese, continuare a tampinare la Fr@ sulle tabelline e perfezionare lo studio delle regolette di grammatica, di cui dovrei usufruire anch’io.

Sono stata pigrissima nel metterla in riga.

Posso darmi la scusa che così è fresca di studio e pronta al rientro?

-5

…però le etichette sui pastelli ci sono già tutte 😉