…di post-Natale

Oggi oltre a fare gli auguri ad Estraneo, la giornata è dedicata al dopo regali, al dopo pranzo, al dopo chiacchiere.

Ieri il momento pranzo era inziato un po’ in salita, mio padre da circa un anno non esce più di casa, ha avuto problemi alle gambe e pur se ormai la fase acuta è passata gli è rimasta una totale assenza di voglia di socialità legata anche al crollo fisico e mentale di qualche anno fa.

Passando le ore si è ripreso ed è stato di compagnia, mangiando e parlando seppur con una assenza tangibile dell’uomo che era un tempo e che sempre mi provoca un dolore al cuore quando ci penso.

Il pranzo l’ho servito in modo abbastanza veloce proprio per non fargli pesare troppe ore fuori dalla sua casa, tutte portate classiche che hanno accontentato palato e problemi gastrici dei “giovanotti” di  famiglia.

La Fr@ era la principessa della casa, lei è stata la marcia in più di questi nonni che in tre raggiungono 250 anni, presa dai regali ricevuti da questo Babbo Natale  generoso si è lasciata anche coccolare ed ha fatto ridere i nonni come bambini.

Estraneo è comunque il ragazzo di casa, l’imminente uomo di famiglia, il nipote grande che supera in altezza i nonni.

I regali son stati tutti belli ed apprezzati, persino gli abiti presi ad Estraneo son stati una scommessa, ma a quanto pare nonostante le numerose litigate siamo ancora sulla stessa lunghezza d’onda e lui ne è stato felice.

La Fr@ ha ricevuto tra i molti doni anche il regalo inaspettato di una “nonna” acquisita, un classico, anzi un classicino  che ogni bambina dovrebbe avere nella sua piccola biblioteca personale, un libro che la farà divertire ed emozionare e le farà sognare di essere ogni volta una delle quattro sorelle diverse.

C’è stata la sorpresa di capire di essere apprezzati da una conoscenza che pensavamo ancora superficiale, ci ha lasciato un po’ spiazzati. Ci sono stati momenti in cui abbiamo raffreddato molto alcuni scambi umani e questa occasione ha un po’ sciolto la patina di diffidenza che si era formata.

Anche questo è Natale.

Annunci

…di Buon Natale oh! oh! oh!

Tanti auguri bloggamici, manca una settimana all’inizio del tripudio di Festività.

State sereni, siate contenti ed anche un pizzico felici.

Siate voi stessi, esternate sempre ciò che pensate.

Non abbiate paura di cambiare e se questo avverrà non voltatevi indietro mai.

Arrivederci.

Siate bella gente.

…di un piccolo momento di tregua

Stamani Io, lEstraneo e la Fr@ sul divano a guardare il film di animazioni di Trilly.

Ridendo e divertendoci, ma soprattutto guardare un Estraneo che ride alla scena del gatto che vuol mangiarsi le fatine e loro riescono ad ammansirlo con l’erba gatta.

In fondo l’estraneo che gira per casa con aria da duro e broncio da adolescente insoddisfatto del mondo ha ancora un cuore da bambino.

La speranza è l’ultima a morire anche se è attaccata ad un filo con unghie e denti per non cadere nell’oblio

…di schiappe

Oggi ho chiesto a Marito di ri-piazzare la wii in salotto.

Abbiamo diversi giorni da trascorrere insieme io e la Fr@ e ok i giochi educativi e i il colorare ed il ritagliare, ma anche un po’ di gioco fine a se stesso solo per svagarsi ci vuole.

Riassumendo, in alcuni mini giochi lei mi ha battuto, Marito mi ha chiesto se l’avevo lasciata vincere ed alla mia risposta negativa era ribaltato dal ridere sul divano.

Beh insomma ho tante, molteplici, infinite altre ottime qualità, quella di saper giocare a questi giochini è un po’ in difetto, sennò pensate che noia una donna perfetta anche nei videogiochi.

😉

…certo però essere battuta da una gagnetta di quattro anni!

…del cerca l’intruso seconda parte

Come molti di voi hanno subito capito l’intruso è il 4.

Non è rosa (o una delle sue sfumature dal pallido carne al viola “fussia”).

Non è comodo da trasportare(è lungo circa80cm).

E cosa veramente importante non è da femmina!

Queste tre considerazioni non erano evidenti a mia cognata e mio fratello che se ne sono arrivati la sera del 25 con questo regalo per Fr@ abbinato ad un gonnellina in felpa grigia invece molto carina.

Sempre per la vecchia considerazione che vorremmo essere meno “signori” non abbiamo detto niente, anche perchè se erano arrivati a pensare che questo tipo di gioco fosse adatto a Fr@ sicuramente non avrebbero capito perchè invece NON lo era.

Per il compleanno di Fr@ stessa cosa, ci avevano chiesto cosa prenderle e sono arrivati con una cosa non adatta per l’età attuale.

Per Natale idem, abbiamo intenzione di non specificare più niente visto che poi alla fine fanno come hanno voglia.

Se proprio non trovavano ciò che avevamo suggerito potevano semplicemente abbinare una maglietta alla gonnellina e stop, il regalo era perfetto.

Questa è stata la dimostrazione che non hanno minimamente pensato a Fr@, non hanno riflettuto  su come è lei e cosa le piace, è stato un oggetto comprato a caso senza un minimo di amore nei suoi confronti.

Eppure comprare regali per le femmine è davvero la cosa più semplice del mondo, chiudi gli occhi e punti il dito e si sceglie bene (sempre stando attenti ad essere nel reparto giochi giusto)

La TAta che voleva regalarle un computerino dei barbapapà, ma non trovandolo le ha preso il puzzle di Peppa pig e i cubi delle principesse ha dimostrato il suo amore.

Come al solito le dimostrazioni di affetto più sincero vengono da persone che non hanno legami di sangue.

Marito era abbastanza incavolato “ma non si può!..scrivilo sul blog, scrivilo se siamo noi a veder la cosa strana oppure no” (di solito non mi dice mai scrivilo)

E poi ” tu mi hai fatto girare tre negozi per il regalo di nipote piccola, cosa credi che loro abbiano fatto lo stesso?”

“Marito, noi in coscienza per le nostre nipoti abbiamo sempre fatto il regalo con affetto e pensandoci, loro boh son stati superficiali ed in fondo dai così ci ricordiamo perchè non ci frequentiamo di più, idee  troppe diverse su come intendere la vita”

Per amor di cronaca noi avevamo suggerito questo gioco, oppure qualcosa di simile

coerenti no?