…di 20

I tuoi, mio caro Estraneo.

Senti il fiato sul collo del tempo che vuol iniziare a farti sentire meno ragazzo, ma più giovane uomo.

Siamo ancora in fase di transito nel tunnel della stronzaggine adolescenziale, incontriamo ancora momenti tortuosi in cui vorrei darti un calcio nel culo e buttarti fuori casa ed altri in cui placidamente si chiacchera di tutto e con assennatezza, in quei momenti penso ancora ad uno scambio di persona da parte di qualche entità aliena.

Comunque…

Auguri (ancora un po’) Estraneo.

Annunci

…di 18 compleanni

… Quelli festeggiati da Estraneo.

Estraneo oggi compie 18 anni, stanotte a mezzanotte e due minuti l’abbracciavo forte, come ormai non siamo più abituati, e baciandolo gli dicevo : Sei diventato grande.

Se fa una cazzata é perseguibile penalmente.

Se vuole uscire da scuola può firmarsi la giustificazione.

Se vuole comprare le sigarette non ha bisogno di chiedere in giro o andare dal tabaccaio senza remore morali.

Se vogliamo lasciarlo solo a casa per andare in montagna non é abbandono di minore.

Estraneo caro, abbracciare il tuo corpo ossuto é stata una strana sensazione, da tempo ormai non c’è più il contatto fisico.

L’ultimo forse, a parte gli auguri di Natale, é stato qualche tentativo di darti un calcio in culo.

Non so questa cosa ti manchi, non me l’hai mai detto, mi ricordo di noi due nel parcheggio scuola, tu novenne che non volevi darmi la mano e non volevi baci, lo sai che non avrei mai smesso di coccolarti?

Non l’avrei fatto nemmeno dopo, quando questo periodo di buio é arrivato a renderci tutti più nervosi, stanchi e irritati dallo stare insieme nelle stesse stanze.

Mi sembra ancora più lontano il tempo in cui ti lasciavi coccolare e pensavo che questa sarebbe stata una cosa che non avresti dimenticato, invece a quanto pare hai solo rimproveri da farci, le piccole punizioni che ogni genitore di questo mondo metter in atto per cercare di svegliare una coscienza scolastica assopita.

A tratti torni simpatico, ti piacciono questi genitori curiosi del buon mangiare, perché i momenti in cui torna armonia é quando ti proponiamo ristoranti o piatti sfiziosi.

In questi anni ciò che mi fa sorridere di te é questa avversione per la pasta al pomodoro, compensata dall’amore per il sushi e tutto il resto di varietà gastronomica che stai conoscendo e che ti fa stupire di non averla mangiata prima.

Sai Estraneo, ci sono giorni in cui veramente ci stai talmente “antipatico” che davvero non vediamo ora che tu prenda quella porta e ciao.

É faticoso in questi anni volerti bene e non sempre l’ho fatto, ci sono stati giorni in cui ti ho odiato ( e sicuramente la cosa era reciproca), cercavo dei motivi per volerti bene e non li trovavo, l’unica cosa che ci teneva legati era la mia fatica nel metterti al mondo e non nego di essere arrivata stremata e stanca dei litigi a maledire anche quello di giorno.

E poi…

Poi ci sono quei giorni in cui rimaniamo stupiti di come invece sei generoso, simpatico e di buona compagnia, di come sei dolce con tua sorella e di come nei momenti critici con i tuoi amici sei maturo e sai prendere in mano la situazione e risolvere il problema. Sei stato tu due volte a chiamare il 118 e instaurare il dialogo con l’operatore sanitario per aiutare il tuo amico che si era fatto male. Sei stato bravo e noi siamo stati tanto orgogliosi di te.

Dopo tanto discutere e rancore ( ed ancora ce ne sarà) avere queste piccole isole felici ci servono per capire che forse non abbiamo sbagliato tutto, che sicuramente qualcuno dei nostri insegnamenti l’hai assimilato.

Tanti auguri mio caro Estraneo, il mondo dei grandi ti aspetta, cerca di fare del tuo meglio.

Ti voglio bene.