…di variabili imprevedibili

Non trovo le parole per scrivere il post che vorrei.

Ho visto la foto di un tatuaggio di una persona e son rimasta male.

La frase che si è impressa sulla pelle è nello stesso tempo una dichiarazione di amore e di disprezzo per due persone a lei vicino.

Frase che in estate sarà visibilissima.

Per come conosco io la situazione, i messaggi di amore/disprezzo avrebbero dovuto essere invertiti.

Come ho sempre pensato, essere il genitore liberale ti porta ad essere l’eroe che ogni figlio vorrebbe, essere quello che cerca di guidarlo quello che gli impedisce di vivere nell’anarchia e nel divertimento.

Avrei voluto scrivere di più, ma questa volta ho temuto di entrare troppo nello specifico.

E forse ho scritto troppo lo stesso.

Non so.

 

Aggiornamento: Ho letto i commenti, no non riguarda assolutamente lEstraneo, altrimenti ci avreste visti come servizio di apertura al tg di studio aperto come notizia di cronaca nera.

😉

 

…di cambi tecnologici

Per una tragedia che è ancora da risolvere (il mio lumia frantumato) un’altra si è risolta benissimo.

E’ arrivato ad allietare le nostre ore di cazzeggio il nuovo pc, come avevo già detto velocissimo, rispetto al dinosauro che avevamo, da ieri dopo il pomeriggio passato da Marito a guardare, installare, fare e disfare e ricrea e reinstalla abbiamo anche il sistema perativo che ha preso il posto di quello provvisorio.

linus-felicita

 

…di certezze serie e venali

L’unica vera certezza seria è che tutti dobbiamo morire.

Segue elenco più o meno serio sull’argomento:

Lo smalto non è mai asciugato abbastanza (mi hai ispirato).

Tra due taglie di vestiti manca la terza, quella che indosseresti tu.

Biancheria stessa cosa, c’è il colore manca la taglia e viceversa.

Starnutisci violentemente tre secondi dopo aver steso primer, mascara e top coat mascara sulle ciglia.

Quando stai per immetterti in una strada, transiterà il mondo intero in quei minuti che ti vedono ferma allo stop, poi il deserto.

I vuoti della carta igienica non escono da soli dal bagno.

Gli adolescenti puzzano.

I bambini hanno la voce inversamente proporzionale alla loro altezza.

Se sei in ritardo, le sbarre del passaggio a livello ferroviario si abbasseranno poco prima del tuo passaggio.

Dal medico di base, colui/lei che dice “io faccio in fretta” ne uscirà dopo mezz’ora minimo e tu hai già le ragnatela intorno alla testa.

Quando inizi seriamente una dieta, salta fuori subito un aperitivo o un invito a cena e adios alle buone intenzioni.

Il cellulare o il telefono di casa squilla sempre nel momento meno oppurtuno.

I Nokia non sono più resistenti come una volta.

DSCF0642
il mio lumia sigh!

 

E voi? quali certezze avete?

Volteggi

Il blog della Fr@

La Fr@ con grande entusiasmo continua il suo avvicinamento ai cavalli.

Indossa il cap rosa, porta le carote alla bionda cavalla, la spazzola con energia ed inonda di parole e domande la sua insegnante…

…e poi volteggia, con ai piedi le calzine antiscivolo.

Beh è più giusto dire che sta iniziando ad imparare i primi rudimenti del volteggio, tra lo sguardo atterrito di Marito, la mia tranquillità e Lucia la tacchina che osserva imperturbabile tutto ciò che succede nel recinto.

Le brillano gli occhi per tutto il tempo che è in groppa e non andrebbe mai via.

Immagine presa dal web al solo scopo di illustrare uno degli esercizi di base del volteggio.

Se coperta da copyright, contattami e provvederò a toglierla.

View original post

…di 8063, 8274 no forse 4567

Non sono le pecore che contiamo per addormentarci.

Siamo entrati nel trip tintometro.

Marito ha smontato la cameretta, che ha svelato sulla parete coperta dall’armadio grande una imperterrita scala cromatica di azzurri sempre più intensi.

Marito è tutt’ora alla prese con lo scollamento della striscia adesiva tanto in voga dieci anni fa e che ha dato un perchè all’acquisto del vaporì glass  (usato pochissimo e quasi dimenticato), vapore caldo, prodotto ad hoc e molto olio di gomito stanno avendo la meglio sui delfini che giocavano vicino al soffitto.

Agrimonia invece sta imparando a memoria la cartella colori e trova che sia fighissimo il sito di vernici che ti permette di fare la simulazione pareti.

…eh no, pensa che non chiederà a Marito di togliere la striscia adesiva in cucina, almeno non nei prossimi due o tre anni.

Piccola nota divertente: l’espressione della ragazza tintometro all’affermazione “vorremmo una tinta corda ed una tinta tortora, le ha consigliate il mobiliere”

“Mobilieri, architetti e real time sarebbero da vietare”

E ci racconta di una signora che cercava un azzurro polvere visto appunto sul canale 31 “signora, qui ci sono quasi 1180 tinte veda lei quella che si avvicina di più”.

Agrimonia deve cercare tinte neutre ma chissà perchè le cade l’occhio sule scale dei lilla che potrebbero stare così bene in bagno con i suoi asciugamani nuovi…e poi i verdi oh! cosa non sono i verdi….