…di sacrifici

Sono una ragazza generosa, molto spesso mi sacrifico per gli altri, delle vere immolazioni sull’altare, quasi da guadagnare la redenzione eterna.

Mi sacrifico quando c’è l’ultima goccia di birra nella bottiglia e nel frigo non c’è posto che ci sono già le nuove a rinfrescarsi.

L’ultima tartina della vergogna? Stiamo scherzando? con tutto il cibo che viene sprecato mi sacrifico e la finisco io.

Confezioni aperte al limite della scadenza che alcuni snobbano? si ricicla in altro modo e ci si sacrifica.

Presi dal lavoro non si ha il tempo di cucinare sano? VAbbè un piatto “schifezza” lo si prepara in tempo record ed amen.

L’ultimo sacrificio estremo di oggi è stato di natura economica, ho in scadenza la carta prepagata  son riuscita ad esaurirla quasi interamente (rimanenza sui 0.20cent).

Sono stata davvero molta brava, in due giorni ho girato e soppesato bene ciò che mi conveniva ed ho scelto davvero (a mio parere) l’offerta migliore.

Ho fatto un ordine sul sito de L’Occitane , spedizione gratuita e campioncini a scelta in omaggio cosa volere di più?

Insomma è stato un duro lavoro, ma qualcuno lo doveva fare.

Se state pensando che forse era meglio “trasportare” il residuo sulla nuova carta vi dico di no, perchè l’operazione ha un costo e di solito anche l’impiegata consiglia di esaurirla, perchè ovviamente in fase di scadenza la carta ha un carico minore del solito proprio per portarla a zero e fare il cambio.

Annunci

18 pensieri riguardo “…di sacrifici

  1. ah ah fortissima. e poi se potevi persino scegliere i campioncini…ne è valsa la pena!!;-)

  2. Per il cibo… beh, una volta era marito che si sacrificava, ma da quando ha fatto il trapianto, per lui è troppo rischioso così tocca a me … e i risultati purtroppo si vedono! (ehm, forse Si vedevano anche quando non mi sacrificavo, per amore di onestà)

  3. Se mi sacrifico è per qualcosa di molto importante. Gli altri hanno un’importanza comunque relativa… e allora? Cosa c’è di così importante che vale il mio sacrificio?

I commenti sono chiusi.