…di carnevali

Nella provincia piemontese a me vicina è ancora tutto un tripudio di carnevali, che quello ambrosiano ha solo da imparare.

Ieri siamo andati a vederci la sfilata di una cittadina, siamo stati letteralmente ricoperti di coriandoli, il nostro sacchetto pieno a metà è tornato a casa riempito quasi fino al bordo, perchè se è vero che avendo una bimba e nel caso del Marito un giubbotto che rimane pulito sei super bersagliato, per contro ti riempiono il sacchetto “che la bimba deve avere sempre coriandoli da lanciare”.

La strada era un tappeto di coriandoli, i carri alcuni più grandi altri piccoli ma con una coreografia di gruppo mascherato a terra che ti mettevano di buon umore solo a guardarli.

I personaggi mascherati in giro erano fantastici, gli uomini sicuramente i più fantasiosi.

Le musiche erano le solite trascinanti da balli di gruppo e la giornata calda di sole ci ha regalato davvero un bel pomeriggio.

Oggi cantiamo il nuovo tormentone ed io e la Fr@ siamo bravissime ballerine.

Annunci

9 pensieri riguardo “…di carnevali

  1. “per contro ti riempiono il sacchetto “che la bimba deve avere sempre coriandoli da lanciare”” questa frase è bellissima. l’ho riletta tre volte per gustarmela.

    1. Sì è strano e bello, di solito ti bersagliano e basta, a me non tanto perchè la mia giacca rimaneva coriandolata, invece qui ti mettevano le manciate anche nel tuo sacchetto.

  2. Si vede che non frequenti le balere di liscio…. questo tormentone è ormai storico ed il problema è che ti si attacca addosso per giorni !!! cocodè 😀

    1. oh ma la conosco bene, non come ballerina di liscio, ma come frequentante di sagre estive mangereccie.
      Sono reduce da tre giorni cantati di pulcino pio, quindi la galeina è stata un’evoluzione 🙂

I commenti sono chiusi.