… di eventi inspiegabili e misteriosi

Agrimonia ormai è un dato di fatto ama le piante, ma non è corrisposta.

Un po’ forse le posizioni che lei sceglie non sono gradite alle piante, un po’ le sue pretese di auto-innaffiamento (che essendo piante in vaso è un po’ dura), mettiamoci anche che lei di parlare alle piante proprio non ha voglia perchè dopo varie e variegate conversazioni al lavoro e con la Fr@ le piace il silenzio.

Ecco dopo tutto questo e anche dopo  le precedenti foto che testimoniavano la sua quasi inettitudine potete capire la sua grande sorpresa quando oggi pomeriggio dopo aver comprato dei bastoncini fertilizzanti (perchè col cavolo che lei si mette a fare la mistura di misurini ed altro) ha visto nella sua gardenia (quella che le ricorda i giorni tristi trascorsi all’ospedale con il suo papà) questo piccolo e profumatissimo  fiore

gardenia

notate che c’è un altro piccolo bocciolo pronto alla fioritura.

Anche  l’ibisco sta meglio le foglie sono aumentate.

Allora anche per le Agrimonie a pollice nero c’è speranza…

oppure essendo agosto il mese degli alieni ci hanno pensato loro

😀

…di ricette sconosciute

Questo fine settimana una pro-loco di un paese vicino organizza l’ennesima sagra che imperversano in ogni centro abitato.

Menù fisso il sabato, alla carta la domenica.

Gruppi che suonano.

Piatti tipici della zona e poi lui.

Uno sconosciuto “risotto allo sguardo”.

Nemmeno quel gran genio di google ha saputo rispondermi, mi ha elencato vari tipi di risotto e poesie d’amore dove gli sguardi si incrociavano, ma niente di commestibile che riunisse le due parole.

Qualcuno di voi sa di cosa si tratti?

Io ho un vago sospetto che sia il tanto vituperato risotto bianco a cui faranno passare l’essenza di champagne, però magari mi sbaglio.