…del cambiare discorso

Il pensiero delle condizioni del mio papà sono un macigno presente, anche quando mi sembra di non pensarci mi sembra di sentire la testa in lavorio continuo.

Così per cambiare argomento scrivo di Prince.

Anzi di uno stralcio dell’assemblea rappresentante di classe e professori.

Meglio ancora di ciò che la prof.sa di Italiano ha detto dei ragazzi.

“come già detto l’altra volta mancano le regole grammaticali più elementari…sono ragazzi che per otto anni non hanno fatto nulla…è stata fatta una verifica di verbi ed è stata annullata. Verrà ripetuta dopo Pasqua,consiglio un buon ripasso”

Eppure pensavo che Prince avesse frequentato le scuole dell’obbligo e pur sapendo certe lacune tutto sommato mi pare che sappia parlare bene e che non si esprima a boh..mah..ecchenesò, ma riesce ad essere molto “avvocato” specie se deve perorare i suoi diritti, certo i suoi temi on sono da otto, ma sa scrivere abbastanza bene. Sicuramente se la prof.sa si lamenta così avrà le sue buonissime ragioni oltretutto lei è una delle prof di cui i ragazzi hanno sincera stima, quindi parlerà con cognizione di causa.

Secondo me manca un gran  bel dialogo tra tutti i gradi scolastici.

Spiegarsi tra tutti, tra scuole primarie, secondarie, “terziare” o come cavolo volete chiamarle al prossimo giro di ministri cosa volete che quelli prima di voi insegnino ai ragazzi.

I genitori, tutti, penso che ve ne sarebbero molto grati, perchè qui sembra davvero che le scuole frequentate siano state per otto anni pieni solo di fancazzisti.