comunicazione di servizio

Importanti accadimenti successi nella mia famiglia di origine richiedono la mia presenza, quel poco che rimane, tolta la stanchezza, la dedicherò alla mia famiglia.

Perciò questo blog è momentaneamente in pausa.

A presto

 

 

Annunci

…di settimanali e mensili

Sono stata lettrice abbonata di VF per cinque anni.

Un amore tormentato perchè lei, la posta italiana spesso si metteva tra di noi.

Al ritardo di una settimana iniziavo a sbuffare e in astinenza di VF guardavo l’edicola in cerca di riviste apparentemente intelligenti a 0.50

Al ritardo di due settimane spergiuravo di non abbonarmi più, poi fatti due conti alla fine conveniva sempre e così rinnovavo.

Novembre scorso la scadenza e non rinnovo.

Arrivarono lettere e lettere di “ultima possibilità”, ma non cedetti.

Il tarlo che si era infiltrato nella mia testa era di avere due riviste al prezzo di una.

Arrivarono così gli abbonamenti dono natalizi, ma resistetti investendo i due euro settimanali comprando il numero che mi interessava e leggendo altro sul sito web.

L’offerta passò.

Poi la svolta nel numero di questa settimana ecco l’offerta abbonamento doppio, settimanale e mensile alla cifra del singolo e persino più conveniente dell’offerta natalizia.

Rinnovai.

E l’amore tormentato tra me,VF e la posta continua….ma stavolta ho il cuscinetto del mensile   🙂

…di libri rilassanti, anche troppo

Oggi pomeriggio Prince ha studicchiato e poi è venuto a reclamare il pc, ma visto che mi stavo rilassando con il mio momento skipe con la mia compagna di merende  l’ho rimandato a studiare (che davvero per quello che avevo visto sul diario il tempo che gli aveva dedicato era davvero poco).

Si è messo a leggere il libro assegnatogli dalla prof.sa di italiano in vista del nuovo tema.

Beh questo succedeva alle sedici, adesso sono le diciassette e volendo controllare lo stato di avanzamento studio l’ho  trovato addormentato come succede ormai di rado.

Decisamente La metamorfosi di Kafka non è un libro che stimola la mente a rimanere attiva.

N.B. Quando l’ha portato a casa ha detto che faceva schifo,beh sai è da capire..sì la prof ha spiegato che Kafka era depresso, però il libro fa schifo lo stesso.Dopo qualche pagina gli ho richiesto i lparere ed ha continuato a dire che faceva schifo, penso che non scriverà sul tema che il libro fa schifo, ma sarà sottinteso sicuramente. 😉 ed altrettanto sicuramente non avrà qualche commento poetico come nel libro precedente

…del dovere di ogni libero cittadino

Stamani una Fr@ senza febbre ha permesso ad Agrimonia un’uscita senza sensi di colpa.

Ha scaldato ben bene l’auto e caricati Prince e la Fr@ si è recata a votare, per strada Prince le chiedeva del voto, da che parte propendeva e lei a spiegare il suo punto di vista che è appunto solo suo e che lui dovrà imparare col tempo a pensare con la sua testa e che purtroppo siamo in un periodo strano dove non si vota il migliore, ma il meno peggio turandosi il naso e che questo è davvero triste perchè si sottintende che ci sarà qualcosa che non corrisponderà in pieno alle sue idee, ma se avesse guardato solo il colore a cui sente di appartenere sarebbe stato molto peggio.

Del perchè non è giusto votare scheda bianca e soprattutto dell’importanza di votare, visto che è una grande libertà.

La gente era tanta e forse è stata una sua impressione, ma nessuno aveva la faccia da “che palle leviamoci questo impiccio”, erano tutti sorridenti e forse anche speranzosi di contribuire a cambiare (si spera) in meglio.

 

….ed intanto continua a nevicare

…di sfighe e di record

Il record stagionale è di Fr@!

Motivazione:

Per aver frequentato quattro settimane consecutive la scuola materna, da settembre non era ancora successo.

Applausi grazie.

Premio Sfiga ad Agrimonia!

Motivazione:

Per aver accumulato in un unico fine settimana, una Fr@ malata con anche la new entry di un laringospasmo notturno e febbre alta e tosse (ormai non più sporadica, ma conclamata), un Marito lavorante fuori sede, un accenno di inizio raffredore (suo) ed anche il ciclo che quello si sa arriva sempre al momento giusto.

La Dotty  ha dato il permesso di chiamarla sul cell e di solito quando dice così è perchè si aspetta un peggioramento, nel frattempo le ha fatto acquistare un nuovo farmaco mai usato perchè il “non si sa mai” si usa anche tra le dottoresse pediatriche.

Almeno la partita domenicale è stata rimandata…