…del si può fare sempre meglio

Quando 18 anni fa ci siamo sposati, a marito portavo in dote culinaria tanta buona volontà, ma poca pratica.

Alcune torte, uova all’occhio di bue, lasagne, pasta al salmone e panna e alla carbonara, bistecche impanate e scaloppine, da subito uno degli acquisti cartacei oltre al settimanale fu il cucina moderna da cui attingere per ampliare il mio bagaglio culinario.

Con il tempo e con passione posso dire di essere diventata una brava cuoca, mi piace seguire le ricette e di solito sono quasi sempre “buona la prima”.

Mi sono rimasti dei piccoli scogli che certamente supererò con la pratica, che le occasioni di famiglia e conviviali con amici  mi presenteranno.

Il risotto, che adoro! Ma molto semplicemente mi annoia nel cucinarlo.

Le frittate, che non vengono mai belle gonfie a meno che non siano cotte in forno.

Tempo fa anche alcuni tipi di fritti non erano mai riusciti al meglio, ma ecco che oggi ho potuto avanzare di una casella.

Oggi ho cucinato gli anelli di calamari fritti e sono venuti buonissimi, poco unti e con l’infarinatura leggera, sono rimasti morbidi da poter essere tagliati con la forchetta.

Sono molto, ma molto soddisfatta!

E molto presto rifaremo la prova di conferma, sia mai che non sia stata solo una questione di fortuna 😉

….anche se in cucina la fortuna non esiste!

Annunci

23 pensieri riguardo “…del si può fare sempre meglio

  1. Come ti capisco, sul risotto! Anche a me riesce bene, ma mi annoia profondamente farlo! Io sui fritti mela cavo bene, è il pesce che devo migliorare!

    1. scrivo uneresia, ma l’unico riso che cucino io è il riso al curry…in pentola a pressione! 🙂 viene benissimo!

      Sui fritti mi tenevo un po’ troppo stitica sulla quantità di olio, ma adesso li facciamo galleggiare in quantità adeguata e vengono benissimo quasi asciutti

  2. In questi ultimi giorni mi sono dedicata a qualche nuova ricetta di torta (buone, buone :-D) e a dei muffins salati, che mi hanno dato davvero soddisfazione.
    Ciao!

    1. ieri ho riprovato con un preparato per fare le frittelle di carnevale, dopo aver impuzzato la cucina ho buttato perchè non venivano bene…rabbia!

      Meno male che a pranzo i calamari mi hanno dato tanta soddisfazione

    1. vero?????
      Io l’adoro l’avrò visto almeno sei volte…ahahahaha quando dice “VUOI CHE MUORO?!?”
      e quando dice “dovevi preparare in tre minuti l’arrosto di montone sulle pietre focaie”

      😆
      ahahaha e le scaloppine ai funghi mi piacerebbe vederli insieme Crozza e Bastianich

  3. crozza lo mal digerisco, scusa.
    per la cucina, anch’io ho alcuni traguardi che vorrei veramente superare!!!
    saper cucinare bene è una qualità ottima, non tanto per i kg in più, però a me rilassa cucinare, impastare, pensare nuove ricette perchè leggo l’originale (dal libro cucchiaio d’argento o qualche sito on line) ma poi devo apporre le mie modifiche e fare mia la ricetta!
    oggi ho fatto la focaccia con ripieno di stracchino che era buonissima!

    1. Personalmente invento poco, diciamo che magari cerco più versioni dello stesso piatto sino a che trovo quella giusta oppure l’aggiusto perchè non ho trovato quello che cercavo

  4. Si tratta di cura amorevole quel che dici, e ne hai. Il risotto qui è di casa. Non mi annoia cucinarlo, è all’insegna di abbinamenti stavaganti.

  5. Fammi sapere quando rifai la prova che ti mando Viola: gli anelli di calamari fritti sono uno dei suoi piatti preferiti in assoluto!

    P.S.: considerato la regione in cui vivi bisogna assolutamente fare qualcosa per quei risotti… 😉

I commenti sono chiusi.