…del cerca l’intruso seconda parte

Come molti di voi hanno subito capito l’intruso è il 4.

Non è rosa (o una delle sue sfumature dal pallido carne al viola “fussia”).

Non è comodo da trasportare(è lungo circa80cm).

E cosa veramente importante non è da femmina!

Queste tre considerazioni non erano evidenti a mia cognata e mio fratello che se ne sono arrivati la sera del 25 con questo regalo per Fr@ abbinato ad un gonnellina in felpa grigia invece molto carina.

Sempre per la vecchia considerazione che vorremmo essere meno “signori” non abbiamo detto niente, anche perchè se erano arrivati a pensare che questo tipo di gioco fosse adatto a Fr@ sicuramente non avrebbero capito perchè invece NON lo era.

Per il compleanno di Fr@ stessa cosa, ci avevano chiesto cosa prenderle e sono arrivati con una cosa non adatta per l’età attuale.

Per Natale idem, abbiamo intenzione di non specificare più niente visto che poi alla fine fanno come hanno voglia.

Se proprio non trovavano ciò che avevamo suggerito potevano semplicemente abbinare una maglietta alla gonnellina e stop, il regalo era perfetto.

Questa è stata la dimostrazione che non hanno minimamente pensato a Fr@, non hanno riflettuto  su come è lei e cosa le piace, è stato un oggetto comprato a caso senza un minimo di amore nei suoi confronti.

Eppure comprare regali per le femmine è davvero la cosa più semplice del mondo, chiudi gli occhi e punti il dito e si sceglie bene (sempre stando attenti ad essere nel reparto giochi giusto)

La TAta che voleva regalarle un computerino dei barbapapà, ma non trovandolo le ha preso il puzzle di Peppa pig e i cubi delle principesse ha dimostrato il suo amore.

Come al solito le dimostrazioni di affetto più sincero vengono da persone che non hanno legami di sangue.

Marito era abbastanza incavolato “ma non si può!..scrivilo sul blog, scrivilo se siamo noi a veder la cosa strana oppure no” (di solito non mi dice mai scrivilo)

E poi ” tu mi hai fatto girare tre negozi per il regalo di nipote piccola, cosa credi che loro abbiano fatto lo stesso?”

“Marito, noi in coscienza per le nostre nipoti abbiamo sempre fatto il regalo con affetto e pensandoci, loro boh son stati superficiali ed in fondo dai così ci ricordiamo perchè non ci frequentiamo di più, idee  troppe diverse su come intendere la vita”

Per amor di cronaca noi avevamo suggerito questo gioco, oppure qualcosa di simile

coerenti no?

Annunci

Informazioni su agrimonia71

La mondina delle parole in cerca di una nuova pianura.
Questa voce è stata pubblicata in gente strana, Natale e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

17 risposte a …del cerca l’intruso seconda parte

  1. maudechardin ha detto:

    in effetti la cosa suona molto strana. non penso che ci sia nulla di male a regalare l’hockey a una bambina (mia figlia per esempio l’avrebbe adorato) ma nel dubbio è meglio scegliere qualcosa di più neutro, come dici tu giustamente la maglietta era perfetta.
    o loro pensano di capire tua figlia meglio di te, o il regalo è riciclato 😉
    i fratelli lo fanno eccome: mio fratello ani fa mi ha rifilatouna cornice elettronica che aveva dentro il biglietto per lui ..

  2. agrimonia71 ha detto:

    Maude, è anche carino come gioco in sè, ci sono le pile che azionano il meccanismo dell’aria proprio come quello della sala giochi.
    Però il dischetto con cui si gioca è ancora a rischio ingoio e poi non mi puoi chiedere cosa prendere e poi fare di testa tua.
    Il regalo non è riciclato anche perchè le mie nipoti non hanno più l’età per questi giochi, mio fratello su certe scelte non è pervenuto, sono le brillantissime idee di mia cognata.
    Al compleanno stessa storia le avevamo suggerito il lego duplo di hello kitty, quello che ho messo nel precedente post, sono arrivati con un lego che parte dai 4 anni, Fr@ ne ha 3! pezzi piccolissimi che non sono adatti alla sua manualità.

    Quello che mi ha dato fastidio è che prima mi ha chiesto e poi ha fatto come voleva.

  3. fango ha detto:

    non conoscendo tua figlia il mio commento non è molto valido, ma io non ci vedo nulla di male nel regalare qualcosa che non è “da bambina”.
    è un gioco da fare in due, a me sembra divertente. o perlomeno io l’avrei trovato divertente.
    certo, magari hanno preso una cosa a caso senza pensare a lei, oppure hanno voluto prendere qualcosa di diverso dal rosa, qualcosa di diverso da quello che avrebbero regalato tutti.
    è un discorso astratto, più sulla divisione di giochi da femmine e da maschi che sui criteri di scelta dei tuoi parenti.
    ti faccio un esempio, così forse riesco a spiegarti meglio la mia visione delle cose.
    l’amichetto di mia figlia (2 anni e mezzo entrambi) ha una cucina rosa e viola. e ha anche un bambolotto (azzurro) ed è felice e beato. io non ci vedo nulla di male. non ho esempi da farti con mia figlia perchè qui i parenti hanno il braccino MOLTO corto e quindi di giochi ne ha pochi, più che altro libri.
    secondo me se il gioco dell’hockey fosse stato identico ma con peppa pig disegnato sopra non ci sarebbero stati problemi e tu e tuo marito non avreste avuto obiezioni.
    però questa è una visione molto parziale.

    • fango ha detto:

      ho letto ora la tua risposta in merito ai pezzi piccoli. però essendo comunque un gioco da fare in due (tu, marito o figlio) non vedo troppi rischi, basta non lasciarglielo dopo. mia cognata è arrivata con un gioco dai 5 anni in su al compleanno di mia figlia. 2 anni. però assieme ci giochiamo lo stesso, non nel modo indicato…

      • agrimonia71 ha detto:

        Il tuo punto di vista è condivisibile, il fatto è che alla domanda “cosa le prendiamo” io rispondo ” qualcosa di piccolo che si chiuda facile da trasportare quando andiamo via”
        Ecco questo gioco non è esattamente la mia idea di trasportabile e piccolo.
        Ance Fr@ sta giocando con un lego duplo a forma di ruspa di Prince, ma sono pur sempre pezzi adatti alla sua manualità

        • fango ha detto:

          con mia cognata ho imparato una cosa: il fatto che mi ponga una domanda non significa che voglia ascoltare la risposta. il tuo consiglio non è vincolante, tienilo a mente anche se sembra un controsenso, ma ci sono persone che sono un controsenso. coraggio.

          • agrimonia71 ha detto:

            a quel punto preferisco che non mi chiedano niente, quando io chiedo e mi suggeriscono mi faccio in quattro per soddisfare la richiesta, certo non siamo tutti così.
            Da ora in poi le dirò semplicemente di fare lei

  4. elisa ha detto:

    ma dai… per una volta che i parenti applicano le pari opportunita!!!! … he he

  5. annikalorenzi ha detto:

    hai ragione tu…fare regali alle bambine è davvero facilissimo…

    io mi trovo sempre più in difficoltà con i maschi ma dai dieci in su, prima era facilissimo pure quello!

    abbi pazienza guarda…secondo me ci hanno anche studiato e volevano strafare…

    non ci vedo poco amore ci vedo un pizzico di sciocchezza…

  6. ktml ha detto:

    Guarda con mia cognata anch’io ci ho rinunciato. Ma continuo a farle regali adatti alle figlie e alla loro età, pensandoci con amore e loro sono sempre felicissime, lei il più delle volte fa regali che non hanno alcuna attinenza. Ti faccio un esempio? Per Natale ha regalato una chiavetta usb Swarovski con un cuoricino con scritto ‘buon San Valentino’. Poteva cambiare soggetto? Il regalo era bello, magari poteva cambiare colore. Per ora so che mia figlia ha rimpacchettato tutto e messo nel cassetto della scrivania. E tieni conto che mia figlia è grande, ormai capisce al volo prima di me, ma quando aveva sei anni le è arrivato un regalo per anni tre, sul serio, di quelli della fisher per i piccolini. E all’epoca niente di male, l’ho messo via per darlo all’asilo contentissimi di ricevere qualcosa per i più piccolini!
    Io guardo ormai al gesto, il resto credo stia tutto nella sensibilità delle persone che non lo fanno per cattiveria ma perché non ci pensano!

  7. soleil ha detto:

    alla fine chi conosce veramente la bambina sa cosa piace a lei.
    Forse loro non la conoscono veramente, né intendono farlo.
    Io ti direi di prendere atto della cosa e ringraziare col sorriso, come hai fatto.

  8. elysam75 ha detto:

    I giochi suggeriti non si avvicinano neanche lontanamente al regalo, ma se l’ avesse scelto da solo tuo fratello forse sarebbe più plausibile in quanto facente parte della razza maschile arrivano poco in quanto là . Pensa che marito un anno mi prese dei vestiti di 2 – 3 taglie più piccole di quelle che portavo .
    Infatti adesso non mi regala più niente così è sicuro di non sbagliare 😦
    Il prox anno fatti fare una busta di €ini 😉

  9. cautelosa ha detto:

    L’aspetto che più delude è l’accorgersi che il regalo è un “atto dovuto” e non un qualcosa che viene pensato appositamente per te, perciò qualsiasi cosa va bene, basta che ci sia il pacchetto…

    Una coppia di miei cognati era speciale nello scegliere il giocattolo più grande al prezzo più basso. Delle ‘ciofeche’ che non ti dico…

  10. Alle67 ha detto:

    guarda, hai fatto bene a fare come hai fatto, in fondo é inutile recriminare magari non l’hanno veramente capito oppure non trovato, o come forse é più plausibile non ci hanno pensato, ma mi sorge un dubbio se le hanno preso una gonna é perché a lei hanno pensato no? allora? dilemma..

  11. paluca66 ha detto:

    Penso che al di là del regalo in sè la mancanza stia proprio nel chiedere e poi fare ugualmente di testa propria, dimostra una certa superficialità e anche una buona dose di scortesia nei vostri confronti.

  12. LaDamaBianca ha detto:

    A volte si prende la prima cosa che capita, solo perché “un regalo si deve pur fare”. Ma spendere dei soldi con questo spirito è davvero brutto, soprattutto se parliamo di bambini.
    Ed è vero che fare un regalo alle bimbe è la cosa più semplice che esista. Mi spiace che siano stati così superficiali, queste son cose che la dicono lunga sul tipo di persona che si ha di fronte.

  13. mammadisera ha detto:

    Ma come si fa a regalare un gioco così a una bimba di 3 anni?! Senza cognizione. Ci son veramente così tanti bei giochi da femmina, e soprattutto adatti alla sua età. Concordo che han preso la prima cosa che gli è capitata tra le mani.

I commenti sono chiusi.