…l’addio alle trenta ore

Oggi è stato per me l’ultimo giorno di lavoro svolto in part-time.

Non sentivo affatto l’esigenza di tornare nella quaranta ore, è stato solamente per non rischiare di entrare in una eventuale mobilità (non si sa mai) in part-time.

Avrei volentieri rinnovato il mio contratto aziendale ancora per sei mesi, almeno per uscire dall’inverno e regalare ancora un po’ di tranquillità mattiniera a Fr@.

Invece visto il periodo molto interrogativo ho scelto di non rinnovare la richiesta.

Se ci penso adesso mi sento già triste, svegliare Fr@ alle sette, portarla al pre-scuola alle 7,45, andarla a prendere al post-scuola alle 17,30.

Entrare con il buio ed uscirne con la notte, il mese di novembre è uno dei più brutti.

Avrei volentieri evitato di rientrare al lavoro perchè così certe stronxate in spogliatoio non sarei tornata a sentirle.

Sono triste.

 

Annunci

Informazioni su agrimonia71

La mondina delle parole in cerca di una nuova pianura.
Questa voce è stata pubblicata in pensieri e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

28 risposte a …l’addio alle trenta ore

  1. cautelosa ha detto:

    Capisco la tua tristezza di fronte alla prospettiva di una giornata lavorativa piena, con, in aggiunta, tutto quanto ne segue, una volta a casa…
    Però penso che tu abbia fatto la scelta giusta, considerato anche i tempi grigi (per usare un eufemismo) che stiamo vivendo.
    Un abbraccio solidale.

    • agrimonia71 ha detto:

      Mia cognata l’ultimo contratto l’ha avuto ad agosto e poi più niente.
      Lei almeno ha due anni di mobilità, dovesse toccare a me solo 18 mesi e credimi lei non è affatto choosy come non lo è nessuno in fondo….

  2. 'povna ha detto:

    Innanzi tutto un grande abbraccio: si vede che questo è anno dei rientri dal part-time. E poi un’osservazione. Dovrebbero leggerti tutti coloro che sostengono che il lavoro degli insegnanti NON ha un orario privilegiato. Poi, io credo che a farlo bene sia giusto avere tempistiche differenti. Ma sostenere che è uguale a tempi di lavoro altri è talmente falso da sfiorare il ridicolo.
    Coraggio per questo nuovo periodo. Novembre passerà.

    • agrimonia71 ha detto:

      Fare solo sei ore è davvero un’altra vita, lo stipendio con 200 euro in meno non era nemmeno un problema (o almeno non il principale)….beh riguardo all’orario Marito a volte vorrebbe fare otto ore (anche se poi in certi giorni ne fa anche di più), ed essere stanco fisicamente ma avere la testa più libera

  3. margherita ha detto:

    Hai proprio ragione, novembre è un pessimo mese. Ma passa via e poi dopo il Natale arriva carnevale e voilà….è alle porte la primavera! (troppo ottimistica?) Un abbraccio

  4. fango ha detto:

    tieni duro, dai.

  5. maudechardin ha detto:

    Hai fatto bene Agrimonia, ma credo proprio che anche io mi sentirei esattamente come te se non peggio. Un abbraccio

  6. andrea ha detto:

    il lavoro smobilita l’uomo ( e anche la donna).. battutaccia

  7. Altramamma ha detto:

    Dai che siamo già al 15 Novembre… solo mezzo mese.

    Capisco bene, anche io full time con uno gnomo che si barcamena tra asilo e nonne…

  8. liberadidire79 ha detto:

    ce la farai….il rodaggio sarà duro…ma ci riuscirai.
    abbraccio

  9. reganisso ha detto:

    Io sono a casa perchè non ho la possibilità di uno stipendio come si deve e per quel poco che guadagnavo (ci rientravo giusto per le spese) non mi basta per una baby sitter. Ok, la mia carriera lavorativa fa ridere i polli ma un po’ sono contenta di non avere avuto un lavoro serio, così ora nelbeneenelmale mi godo Figlio e non lo faccio trottolare in giro faticosamente. So che per tante donne è l’unico modo per andare avanti … ma è anche snervante e faticoso!

  10. elisabettapendola ha detto:

    un pensiero per te

  11. elysam75 ha detto:

    Idem anche da me alcune hanno rinunciato all’ idea del part-time x la stessa ragione . Forse riusciremo ad ottenere un’ altro annetto di cigs … speriamo .

    • agrimonia71 ha detto:

      azz…siete già alla straordinaria.
      Da noi si punta tutti insieme a far leva per firmare il contratto di solidarietà per almeno un anno, così si rinnovano anche le settimane di ordinaria

  12. linda ha detto:

    40 ore sono tante, soprattutto per chi ha una bimba così piccina come hai tu. Mi dispiace, Agrimonia, ma se non c’era altra via, avanti e forza!

    • agrimonia71 ha detto:

      già….devo riorganizzare tutte le tempistiche….per fortuna ho ancora ore di permesso perchè mi sa che non le prime volte non riuscirò ad entrare entro le otto!

  13. agrimonia71 ha detto:

    Vero che è brutto?….ufff

  14. smilepie ha detto:

    dai e pensa solo ai lati positivi son quelli che ti daranno la forza…

  15. tutta la mia solidarietà.Il part time l’ho visto durante l’allattamento, noi abbiamo il lusso dell’elasticità in entrata e in uscita ma il full time è comunque lungo, e ci vogliono mesi per riabituarsi.
    (Portati gli auricolari per lo spogliatoio, al bisogno li metti e ti spari la musica per non sentire:) sì, sto diventando asociale)

  16. ha detto:

    peccato……..
    non ho mai avuto il part time, ma l’ho sempre invidiato!

  17. Alle67 ha detto:

    sarà dura Agri, ma é sempre solo uan questione di abitudine, come in tutte le cose e di organizzazione, però é meglio avere il alvoro che non, ti abbraccio forte, andrà bene!!

I commenti sono chiusi.