…della crisi e delle candele

Ieri siamo andati all’Ikea.

Ikea = candele.

Invece no, questa volta non mi sono fatta sopraffare dal delizioso profumo di quel reparto che ti fa perdere ogni inibizione e ti fa allungare la mano verso ogni cosa colorata o profumata che si presenta sul percorso.

Ho rinunciato persino ai mitici e bellissimi tovaglioli di carta, non è veramente il momento di chiudere gli occhi e buttare nel borsone blu oggetti presi a caso.

Siamo andati per comprare i piumini letto da portare in roulotte, ma quelli che ci servivano erano gli  unici che non c’erano.

Abbiamo preso solo cose utili, lenzuola con angoli, un nuovo copripiumino per Prince (più da ragazzo),i bicchieri di platica colorata lavabili per la montagna, il cuscino piccolo per la materna di Fr@, l’unica cosa frivola un gioco per lei che è stata davvero bravissima, portata in giro per tutto il pomeriggio seduta tranquilla sul passeggino (con l’aiuto di qualche caramella e del cono gelato)

a dire la verità lei voleva la coppia di volpi, ma voi non immaginate da quanto tempo volevo prenderle questo set, tanto di peluche ne ha di ogni forma invece questo gioco l’ho sempre trovato bellissimo.

Ero quasi tentata di seguire l’esempio di extramamma, però non sapevo se la passione sarebbe stata la stessa 😉

 

 

Annunci