undici domande undici

Quando decisi di essere meno orsa  sapevo che sarebbe arrivato il giorno di quasi saturazione, ma sempre per via del nuovo pensiero “chi pensa a te non lo fa per dispetto, ma perché gli stai simpatica” inizio con la nomination assegnatami da Reganisso

(che poi mi piacerebbe sapere chi ha pensato ad una cosa del genere come cena, quali traumi infantili hanno scosso i suoi primi anni su questa terra)

Inizio! (Rega io ti adoro ma è solo perchè mi piacerebbe un genero pallavolista e che abita al mare che rispondo)

Undici cose di me:

  1. Mi piacciono i formaggi cremosi alle erbe
  2. Se noto in una donna il rossetto sui denti glielo dico in modo discreto, vorrei che lo dicessero sempre anche a me
  3. Ho l’incubo di rimanere senza benzina, appena si accende la spia devo farla subito
  4. Dopo trent’anni in cui ho bevuto sempre acqua naturale adesso mi sono data alla frizzante
  5. Quando sono in auto e qualcuno mi rimane addosso senza superarmi, rallento per fargli dispetto….così poi mi supera il rompiballe
  6. Non sopporto chi dice “non ci sono parcheggi” e viaggiano con un translatlantico.
  7. Ho ben dieci tessere (forse anche  qualcuna in più) tra super e negozi soprattutto di abbigliamento bambini, ho dovuto prendere un porta tessere apposito altrimenti il mio portafoglio non si chiudeva più
  8. Anch’io come Reganisso non mangio il fegato, mi basta rodermelo ogni tanto.
  9. Ascolto sempre e solo radio deejay.
  10. Mi chiamo Agrimonia e sono una blog dipendente.

Secondo step: rispondi alle domande di chi ti ha taggato:

  1. Cosa ami fare nel tempo libero? Guardare i cartoni con Fr@ o girare nei blog
  2. L’ultimo pensiero prima di addormentarti? Ho tolto la chiave dalla serratura della porta?!?
  3. Il libro/film del quale vorresti essere uno dei protagonisti e perchè….Film Serendipity…perchè nulla succede per caso
  4. Gli ufo ti contattano, paura? Se sono come questi no 😉
  5. E’ sabato sera, che si fa? Dipende, cena con amici oppure cena schifezza in famiglia e tv
  6. Vengo in vacanza nella tua città: dove mi porti e cosa non devo assolutamente perdermi? La bellissima piazza di una vicina città, oppure una partita di pallavolo femminile di una squadra famosa 😉
  7. Vengo in vacanza nella tua città: che specialità culinaria mi fai trovare a tavola quando mi inviti da te? Senza dubbio un risotto, meglio ancora la panissa.
  8. Consigliami un libro che ti è strapiaciuto….abbiamo gusti diversi ma il mio libro preferito è sempre: Non ti muovere di Margaret Mazzantini
  9. Consigliami un film che potrebbe piacermi….Aiuto non me ne vengono in mente! Sono un po’ fuori dal giro film
  10. Per un mondo migliore: più … e meno … ? più pilo per tutti e meno tasse 😆
  11. Come ti vedi tra 11 anni…una mamma con una figlia pre-adolescente! aiuto!!!!!

Non taggo nessuno chi vuole può scrivere di sè ed usare le domande di Reganisso 🙂

…delle piccole cose

…che ti fanno davvero capire che il tuo little Prince è davvero cresciuto.

…da ormai un mese si rade i suoi baffetti.

…da ieri non si veste più nel reparto ragazzi, ma in quello da uomo adesso porta la 44 adulta.

…la sua voce si è abbassata sembrerebbe definitivamente di un tono.

…l’andatura è più dinoccolata sul genere “hei tranquilla faccio tutto con calma”   (ma provate a partire cinque minuti in ritardo per andare a calcio, sembra morso da una tarantola).

…tutte le mattine si lava i capelli e “spara” il ciuffo laterale con il phon e nel bagno crea una camera a gas con la lacca.

…ha messo la pw per leggere gli sms.

…indossa gli occhiali da sole.

 

L’erasmus del cazzeggio

Benvenuti all’ erasmus del cazzeggio, le regole per “cazzeggiare” bene sono: niente frasi offensive, sono graditi proverbi e non mettete fine alle potenzialità del vostro traduttore google e soprattutto ri-traducete in italiano il divertimento è assicurato.

 

Ten post nie jest do śmiechu, ale na cześć tych, którzy pochodzą z internetu w naszym Blogu z kraju, że możemy wykryć poprzez statystyk dostępu. To tak, jakby dając do wirtualnej wycieczki po brzmi “w swoim języku poszukiwanie możliwości tłumaczenia maszynowego, a czasami śmieją się błędów wprowadzonych przez tego przydatnego narzędzia

 

 

 

 

 

A reti unificate…le amiche (vere) blogger

Il web è spesso oggetto di critiche, in principio erano le chat sino al momento attuale dei vari FB e Twitter, nel mezzo il mondo blogger fatto di milioni di persone che scrivono di ogni argomento che a loro volta commentano gli altri a volte come certi simpatici banner “questo commento non è un sms” a volte un po’ più insistenti e qui è arrivato il mondo delle fantasia i cosidetti “troll”.

La cosa più bella che queste milioni di persone che hanno un blog hanno attivato è la possibilità di avere amicizie diverse, di far incontrare mondi opposti che nella vita reale sarebbero stati quasi impossibili vuoi per carattere, vuoi per posizione geografica e no ultimo per interessi e lavoro personali.

Mi ricorda tanto il detto “i parenti te li trovi, gli amici li scegli” ed è bello all’inizio essere attirata da un post trovato girovagando nei link di chi già si conosce, avere voglia di commentarlo e sentire il desiderio di tornarci.

Gli amici si scelgono.

Non contano il numero delle visite o la lista lunga dei link, la cosa vera quasi da toccare con mano è l’istinto che ci permette di affidarci alle amiche blog in modo sincero come nella vita reale non è quasi possibile: giù la maschera!.

Nel mio caso non potrei avere un panorama più vario e colorito, dalla guru della tecnologia alle amanti del fai da te   alcune poi sono delle vere artiste, alle giovani mamme e chi invece mi ha fatto riscoprire la voglia di non uscire mai senza una passata di mascara sulle ciglia.

Amiche recenti dotate di un’immensa cultura, che sanno metterti a tuo agio e ti aprono un mondo nuovo che si traduce in post-it con una lista di libri da cercare in biblioteca.

Tutte le amiche dei link le ho scelte ed a mia volta sono state scelta e questa è la vera ricchezza del web.

La libertà di poter scegliersi.

Agrimonia con questo post partecipa all’iniziativa “a reti unificate va in onda la diversità” chi volesse scrivere il suo contributo nel proprio blog partecipando al coro può farlo, sotto  questo titolo, segnalando la sua adesione nei commenti o inserendo nella sua pagina questo banner che vedete a lato