Il menù di Natale ’11

Salame di Varzi, coppa piacentina, prosciutto cotto, Crudo di Parma

accompagnati da 

insalata russa, misto giardiniera, fantasia di funghi sottolio, cipolline sott’aceto.

Crostino di lardo Arnad al miele

Gamberetti in salsa cocktail

Capesante gratinate al profumo di limone

Assaggi di Mezzelune ripiene di speck e brie al burro guarniti di semi di papavero e castagnette al burro e rosmarino

Sorbetto al limone

Brasato al passito di pantelleria

con contorno di patate al forno

Formaggi misti

Pandoro con trionfo di crema mascarpone

dolce bottiglia ai gelati crema e nocciola

Frutta secca

caffè

Citrosodina a volontà 😉

Annunci

…di egoismi e cervelli piccoli

Questo non sarà propriamente un post adatto al clima natalizio, ma va da sè che essendo coinvolta una cena di natalizia una sua logica ce l’ha.

Capita che alcune persone pensino di essere il centro del mondo e quindi per motivi rimandabili prenotino lo stesso una visita di controllo medica alle sette di sera, pur avendo avuto tempo già nella settimana precedente e pur sapendo di avere una cena a casa di persone anziane non dotate di lavastoviglie ed a cui sarà presente un’altra famiglia con al seguito una bambina piccola e che se tutto va bene si cenerà per le ore otto post-meridian, ma a queste persone interessa solo di esser comodi loro e gli altri che si adattino.

Chissà se l’invito fosse stato da parte dell’altro ramo genealogico l’appuntamento sarebbe stato alla stessa ora? Non credo e poi uno pensa “cerco di non criticarli” azz a volte te la servono su di un piatto d’oro la critica!