Ritorno all’infanzia

La prossima settimana sarà speciale ci sarà il secondo compleanno di Bimba.
Io e IlMarito abbiamo deciso di regalarle la bambola per eccellenza quella che praticamente tutte noi ragazze abbiamo avuto, quelle che fin dalla tenera età ci ha inculcato il senso materno.

Il Cicciobello.

Ormai anche il Ciccio segue le varie mode ed è super accessoriato, con la febbre, con il telefono, con la gita all’acquario, ho scelto di prenderle il classico quello più semplice che piange e basta, primo perchè ha solo due anni e non capirebbe le varie funzioni e poi perchè dev’essere lei a giocare con la bambola e non la bambola a farla giocare.

Nel frattempo ho visto che ci sono disponibili vestitini, lettini, sedioloni, passeggino, valigetta con necéssaire e tutto ciò di cui un neonato ha bisogno anche se è solo plastica e stoffa e con dei bei capelli biondi

Annunci

Informazioni su agrimonia71

La mondina delle parole in cerca di una nuova pianura.
Questa voce è stata pubblicata in pensieri. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ritorno all’infanzia

  1. Bè…Cicciobello è stato un passaggio per tutte le bimbe. Mia madre la regalò alla prima nipotina (da parte di mia sorella) e, quando poi è nata mia figlia, ha sentito il dovere di regalarlo anche a lei, come un rito. Anche se la differenza d’età tra le due nipotine è di ben 17 anni!

  2. povna ha detto:

    Eccoti qua, cara! Alla fine ci ritroviamo uguale, ci siamo semplicemente trasferiti, tutti quanti, di condominio…! Vedrai, quassù si sta bene… E poi, come si dice, l’importante è la compagnia!

  3. Elisa ha detto:

    Intanto commento qui, poi vedremo … Silvia di Ciccio Bello ne ha avuti 2, perché uno dopo un po’ non funzionava più e poi quando è stata in ospedale a 4 anni ha visto Ciccio Bello Bua regalato a una bambina ricoverata in stanza con lei e da allora ha continuato a desiderarlo e chiederlo finché non gliel’abbiamo preso un paio di anni dopo (a quell’epoca invece aveva ricevuto Baby Eva). Ha anche un bel corredino di vestiti originali. Di passeggini invece ne ha avuti 2 (anche perché un po’ alla volta è cresciuta in altezza e il primo non le andava più tanto bene… le toccava piegarsi in 2 per riuscire a spingerlo!), uno con il trio come quello per bambini veri e in più ha ricevuto culla e seggiolone, ma di un’altra marca e se devo dire, molto meglio di quelli griffati Ciccio Bello. Ti posso dire che sembravano veri, potevano fare concorrenza ai passeggini della Chicco! Io, da parte mia, ho ancora il Ciccio Bello di quando ero piccola, ancora con il suo vestitino celeste di maglia: purtroppo però non ho potuto darlo a Silvia per giocare, perché il busto era di gomma piuma che col tempo si è sgretolata e adesso perde tante bricioline. Goditi il tempo di Ciccio Bello, perché poi fanno in fretta a crescere e quando comincia il tempo delle barbie (troppo presto!), non è più la stessa cosa…

I commenti sono chiusi.