quelli-che-se-stavano-a-casa-era-meglio

Oggi con il Marito dopo il cazzeggio casalingo mattutino e grigliatina gustosa di coscette e alette di pollo, pancetta e salamella ci si guarda negli occhi per pensare al programma pomeridiano.

Si decide di andare al castello di Camino, il sito parla di bed & breakfeast però a volte le residenze private lasciano aperto al pubblico il parco, invece no la visita è possibile solo grazie al proprietario, ma tenendo conto che Bimba dorme non ci fermiamo nonostante la gentilezza dimostrataci per vedere il castello, il Marito entra  lo stesso per farsi dare degli opuscoli ed esce con un tartufo!  

Io penso subito al costo del pregiato tubero, ma con 15 euro per cento grammi di bontà direi che la paura non è stata così terrificante, il tizio parla di tartufo estivo e quindi tornati a casa mettiamo in moto il web et voilà la specie in questione è economica e meno pregiata del Nero, ma vi assicuro che il profumo è comunque invitante ed ho già commissionato alla mia mamma delle tagliatelle casarecce da abbinare al nostro acquisto fuori programma..

Ma prima di arrivare a casa per la ricerca web, ci rassegnamo a girovagare il monferrato senza una precisa meta, ma all'Agrimonia vostra viene un'ideona!

L'agriturismo preferito è a pochi km, anni fa sapevamo che preparavano anche le merende (ovvero antipasti serviti normalmente nel menù degustazione, vino e dolce); impostiamo il navigatore e ci dirigiamo qui dove eravamo stati anche per cena del mio compleanno.

Nel cortile ci sono pavoni e galletti ornamentali, cavalli e giostrine.

La giornata è bella e dalla cascina situata in cima ad una collina si vede il PO, il fondo valle e le colline intorno che con il loro verde rilassano la vista.

Bimba si è divertita, Prince era contento della Tato*-mania di sua sorella e noi genitori  deliziati dalle bontà monferrine.

Morale della favola: era meglio se stavamo a casa.

In compenso abbiamo risparmiato sulla cena: due belle fette di anguria fresca ed eravamo a posto

*Bimba non ha ancora pronunciato il nome di Prince, ma si è dirottata su un dolce e simpatico e coccoloso Tato! oèTato? Tato! ioTato, noooTAto!

Annunci

Informazioni su agrimonia71

La mondina delle parole in cerca di una nuova pianura.
Questa voce è stata pubblicata in vecchi post splinderiani. Contrassegna il permalink.

10 risposte a quelli-che-se-stavano-a-casa-era-meglio

  1. Alleg67 ha detto:

    ma gioietta non si può volere tutto dalla vita no?

    dai che é stato bellissimo, mi ispira sta cascina…magari ci andremo insieme la prossima volta che ne dici?

    baciotti!!

  2. agrimonia ha detto:

    @oh sì e poi il fritto misto piemontese da loro è sublime zero unto e massima bontà

  3. luviluvi ha detto:

    Non ho afferrato il perchè della morale(?)

  4. agrimonia ha detto:

    @Luvi l'intenzione era di fare un giro domenicale a costo quasi zero ed invece siamo tornati a casa con un tartufo e dopo aver fatto merenda/cena all'agriturismo

  5. smilepie ha detto:

    deliziosa Bimba… Tato! oèTato…
    da mangiarsela… : )

  6. cautelosa ha detto:

    Vabbè, evviva la trasgressione (anche calorica, presumo) non preventivata.
    Sono sempre occasioni da non perdere…
    E adesso capisco anche il tartufo, eheheheh!

  7. mammaoggilavora ha detto:

    io ho una passione per gli agriturismi, figurati che ci ho festeggiato pure il matrimonio… quindi la merenda all'agriturismo mi estasia eh se mi estasia….
    tartufooooo buonooooo

    bravo Tato che si commuove per le attenzioni della sorella e gioca con lei@

  8. luviluvi ha detto:

    Ah ecco! Allora avevo intuito "giusto"

  9. utente anonimo ha detto:

    Deve essere simpaticissima Bimba che parla!!!

    caio extramamma

  10. EligRapHix ha detto:

    Costoso, ma doivertente, no?

I commenti sono chiusi.