un-libro-pesante-acciaio

L' incontro con Extramamma ha sortito il rimpinguamento della mia libreria, mi ha infatti regalato Acciaio di Silvia Avallone.

acciaio-silvia-avallone

La storia di due amiche sullo sfondo del quartiere popolare di Piombino, entrambe con famiglie difficili con lo sfondo dell'acciaieria che sembra l'unico sbocco lavorativo per chi non ha altri mezzi per scappare da una vita di semi-miseria.

Non mi è piaciuto, la storia certo era difficile.
Una storia di violenze domestiche in cui il silenzio è il vero padrone, storie di droga come unico svago per i ragazzi che non hanno la possibilità o non hanno voluto andare via, certo non si possono usare parole poetiche o dolci per descrivere situazioni di disagio, ma il continuo rimarcare che la ragazzine avevano "culi svettanti e sodi e tette che fiorivano" a mio parere non serve a rendere la storia più difficile di quello che è.

Il continuo sottolineare che le due ragazze provocavano in adulti e ragazzi desideri sessuali l'ho trovato inutile nel contesto della storia.

Altre scrittirici usano un linguaggio rude, ma senza ogni volta buttarci dentro abitudini sessuali.

Naturalmente questo è soltanto il mio parere personale di lettrice e non vuole influire in nessun modo la scelta di chi vuol avvicinarsi a questo libro
.

Annunci

Informazioni su agrimonia71

La mondina delle parole in cerca di una nuova pianura.
Questa voce è stata pubblicata in vecchi post splinderiani. Contrassegna il permalink.

11 risposte a un-libro-pesante-acciaio

  1. paluca ha detto:

    Beh, su di me un pò influisce, era in cima alla lista dei desiderata del mio pomeriggio in libreria ma penso che magari aspetterò ancora un attimo nel comprarlo…Magari arriva qualche ulteriore commento al tuo post ad illuminarmi in un senso o nell'altro…(comunque "culi svettanti" è un'immagine davvero pessima!)

  2. utente anonimo ha detto:

    Grande invidia per le vendite della Avallone, naturalmente, però condivido in pieno il giudizio. Ho anche una figlia di 13 anni e mezzo e tutte queste descrizioni mi sono sembrate morbose. Si potevano evitare o perlomeno contenere. Anche il connubio con altri vezzeggiativi che si abbinavano come "il suo musino" che era la faccia della ragazza con le tette che fiorivano…per vendere il sesso è un ingrediente magico, però giocare con questa ambiguità adoelscenziale mi è sembrato di cattivissimo gusto.Anche perchè in giro c'è già abbastanza morbosità e non mi apre il caso di alimentarla.(modesto parere di extramamma)

  3. utente anonimo ha detto:

    Scusate i refusi: ho scritto troppo in fretta!extramamma

  4. ilmaredentrome ha detto:

    Anche a me non è piaciuto, l’ho trovato molto noioso… e i riferimenti di cui parli fuori luogo, davvero.
    Uff… è da un pò che non riesco a leggere un buon libro. Che mi dici “l’eleganza del riccio”? io l’ho letto a fatica…

  5. SemifreddoalCaffe ha detto:

    e va bene… anch'io come paluca aspettavo gli altri commenti…vedo che non è piaciuto a nessuno… troppo crudo?e l'eleganza del riccio… non riesco a finirlo…

  6. EligRapHix ha detto:

    Sulla scia di Melissa P.?

    Mi fido del tuo giudizio e non comprerò il libro (non che ci avessi mai pensato in realtà).

  7. ziacris ha detto:

    E' nella lista dei desideri e ci resterà, nonostante la tua quasi stroncatura, sono curiosa di vedere come la prendo io

  8. mammalellella ha detto:

    ti dirò… già non mi ispirava, figuriamoci adesso!vedremo…'notte cara

  9. mammaoggilavora ha detto:

    bon, da tutto quel che hai scritto non mi ispira… poi sono in un momento in cui ho bisogno disperato di leggerezza….come va con la ripresa?

  10. amoleapi ha detto:

    si potrà almeno esprimere con tranquillità il proprio giudizio su un libro senza aver paura di strascichi? mondaccio.ciao 😀

  11. originalste ha detto:

    no, non mi attirava prima e ancora meno adessodevo dire che leggo moltissimo, ma poco di scrittori italiani (contemporanei) e quel poco che ho letto ho notato questa tendenza al sensazionalismo, alla morbosità, all'uso di linguaggi e situazioni "pesanti"no, mi spiace, molto meglio la letteratura americana, anche se molto romanzesca e forse "falsata" dalla traduzione (e non son per nulla esterofila, men che meno per l'america)lo stesso dicasi per i film, muccino & co, mi spiace… non mi piacete proprio !un abbraccio !ste

I commenti sono chiusi.