venuto-al-mondomazzantini-santa-biblioteca

Nell'ultimo anno ho riscoperto la biblioteca della pianura, non è che mi mancasse la voglia di leggere o che la biblioteca fosse poco fornita (nelle novità hanno anche Cotto e Mangiato!) il mio problema era ricordarmi gli orari.

Due mattine e tre pomeriggi di apertura sembrano facili, ma dovendoli incastrare con il calcio o la spesa o dei turni improvvisi e un "ci passo domani"  trovare chiuso era presto fatto.

Dopo aver preso Scarpe rosse, Mareggiata ed altri titoli nel pre-panza, l'ultimo di lettura sofferta è stato VENUTO AL MONDO di Margaret Mazzantini.

Io amo Margaret Mazzantini.

Il suo libro Non ti muovere l'avevo letto in due giorni, quindi quando ho visto disponibile il nuovo libro l'ho preso subito senza nemmeno leggere la copertina.

Quando ho letto la storia son rimasta dubbiosa, come poteva una scrittrice scrivere un romanzo su di una guerra lontana?.

Così è rimasto per un mese nello scaffale in stand by.

Il giorno della lettura è poi  arrivato improvviso ho iniziato il libro ed ecco che era lei, la Margaret che si ferma  sui piccoli particolari e che non ti fa mai pensare "chissà com'è"  perchè con le sue descrizioni ti srotola un film su carta formato da parole, la Margaret che usa un linguaggio a volte rude e diretto che sembrano pugni.

Avrete capito che è stato un crescendo di curiosità, sono arrivata a rimanere sveglia sino all'una pur di finire un capitolo che voleva dire avvicinarsi alla fine.

Un epilogo della storia che non avrei immaginato e che mi ha fatto pensare "non poteva essere altrimenti".

Dal sito dell'autrice la trama del romanzo:

Una mattina Gemma lascia a terra la sua vita ordinaria e sale su un aereo, trascinandosi dietro un figlio di oggi, Pietro, un ragazzo di sedici anni. Destinazione Sarajevo, città-confine tra Occidente e Oriente, ferita da un passato ancora vicino. Ad attenderla all'aeroporto, Gojko, poeta bosniaco, amico fratello, amore mancato, che ai tempi festosi delle Olimpiadi invernali del 1984 traghettò Gemma verso l'amore della sua vita, Diego, il fotografo di pozzanghere.

8 pensieri riguardo “venuto-al-mondomazzantini-santa-biblioteca

  1. Della Mazzantini ho letto solo Il catino di zinco e, confesso, non mi era piaciuto.Da allora non ho più cercato niente di lei. Ma potrei sempre riprovare….Ciao!

  2. Ho letto "Non ti muovere" e mi era piaciuto, questo devo ancora leggerlo. Ma proprio stamattina ho pensato a lei perchè sto leggendo Acciaio di Silvia Avallone  e facevo un paragone sul tipo di scrittura/descrizioni di situazioni difficili e la Mazzantini ne esce molto meglio.baci extramamma

  3. aspetta… non lo leggo il post… ha questo libro pronto sul tavolinetto… in attesa… e già ho sentito tanto… voglio gustarmelo…mi piace la Mazzantini!

  4. Ce l'ho anch'io lì nella mia libreria che mi guarda da qualche mese, questo tuo post è un ulteriore avvicinamento alla sua lettura!

  5. Ho letto sia "Il catino di zinco" che "Non ti muovere", ma questo mi ispira una sorta di diffidenza che per il momento non riesco a superare…Ciao!!

  6. Alle ragazze Mariella, Patrizia, MaestraViolache hanno letto il catino di zinco: quello come titolo mi manca di lei ho letto Manola (che recitò in teatro con Nancy Brilli), Zorro e Non ti Muovere che amo anche come film.Ero anch'io molto dubbiosa ed infatti l'ho fatto decantare per un po'…poi mi è piaciuto moltissimo…..de gustibus @Extra….non conosco il libro che citi, però mi sembra di averlo visto in biblioteca. Margaret trovo che sia favolosa nell'essere rude la trovo realistica@ziacris….rimani all'erta @Paluca…superati i dubbi ne vale la pena…almeno per me

I commenti sono chiusi.