cortina di ferro

In casa Agrimonia tra lei e Prince si è instaurato un clima da bottoni rossi anni '70, è scesa una cortina di ferro che nemmeno gli statisti russi avrebbero potuto innalzare meglio.

Lo so che non è giusto, lo so che è importante il dialogo, lo so che questa fase è appena iniziata e andando avanti ci saranno ancora momenti così, però mi sono veramente e vorticosamente girate le palle all'ennesimo sbuffo scocciato  perchè vedendolo con le palpebre cascanti sdraiato sul divano gli ho detto di andare a letto e visto che erano le 21,55 (l'ora max sono le 22,00) si è alzato e con passo pesante pestando bene il pavimento con il suo 38 ed pè andato in camera senza nemmeno salutare, l'ennesimo paio di calze a mettere radici in camera, l'esplosione di oggetti sulla scrivania, le tremila magliette appese come pipistrelli nell'appendino, stanca di dire di sistemare la camera tornare a controllare e vedere che la metà delle cose sono ancora fuori, quando invece se si tratta di ricordarsi l'ora dei programmi in tv la memoria e l'organizzazione è perfetta, ho già maledetto più volte il giorno in cui sky è arrivato  in casa.

Mi sono stancata di dover fare sempre la madre rompipalle, io a sentirmi non mi sopporto più e lui se ne frega si offende se gli ripeto le stesse cose e nello stesso tempo continua imperterrito a farle.

Da lunedì ho ridotto ai minimi termini il dialogo, proprio non ho voglia di parlargli mi son offesa all'ennesimo atteggiamento supponente e all'espressione di quello che pensa che sono cretina e che pensa di farmi fessa e il risultato è stato che stamani mentre preparava il borsone del calcio (torneo festivo) gli ho chiesto dov'era la tuta che ha usato per la gita di lunedì, era ancora nello zainetto ben schiacciata e stropicciata, sdraiato sul letto con il caos sulla scrivania gli ho chiesto se non aveva niente da fare ha detto che era stanco! (alzato alle ore 8,30) ha preparato il borsone del calcio ed al momento di uscire ha visto che non aveva messo l'accappatoio, ma se gli avessimo detto di controllare avrebbe sbuffato come un treno a vapore!

A qualche mia secca risposta mi ha chiesto perchè ero arrabbiata, gli ho detto che le sue risposte e i suoi atteggaimenti certo non mi mettevano di buon'umore, ha sbuffato e girato le spalle e io la cortina la lascio giù.

Il Marito nel mezzo si barcamena tra di noi e ieri sera mi ha detto di alzare la serranda "piuttosto fatevi una bella litigata e che sia finita" ….di litigate ne abbiamo già fatte adesso ho proprio necessità di sentirmi offesa e di essere rigida e lo so che non è la cosa migliore e che ad un pedagogista gli verrebbe l'herpes, ma adesso preferisco il silenzio altrimenti a parole sarei troppo pesante.

arrabbiata

Annunci

Informazioni su agrimonia71

La mondina delle parole in cerca di una nuova pianura.
Questa voce è stata pubblicata in vecchi post splinderiani. Contrassegna il permalink.

11 risposte a cortina di ferro

  1. azalearossa1958 ha detto:

    Sembra casa mia…….Mi dispiace dirti che hai appena cominciato (ma questo lo sai già)…Il periodo è quello: conta più quello che dicono glia mici che non i genitori, visti come una pietra al collo. L'età è quella… ma tu non cedere: va bene il dialogo, ma ogni tanto devono capire che hanno esagerato e che non si è disposti a sopportare oltre…. altrimenti diventa abitudine, tanto poi "le passa!"In bocca al lupo!

  2. SemifreddoalCaffe ha detto:

    agri…che dirti?lo sai già… leggendo i vari blog con figli adolescenti… sai che questa è solo una delle tante fasi che attraverserete…io consigli non ne ho… perche ho alternato il dialogo, al mutismo, all'ossessione, al menefreghismo…ma penso che passerà… solo questo… ora sono in fase di rassegnazione…

  3. Alleg67 ha detto:

    ogni tanto l'atteggiamento é quello anche qui, fasi alterne, o giorni alterni, chiamali come vuoi, ma il menefreghismo regna indiscusso, la parola detta male, anche, tipo : "faccio quello che voglio", credo che una sberla ben data ongi tanto mi scapperà, perché ci sono giorni impossibili…bisogna avere tanta pazienza Agri, solo che goni tanto scappa pure a noi…

  4. Evelyndreams ha detto:

    …..non ci sono tanti consigli da dare, è un altro travaglio cara mia di tempo indefinito……da uno a tre anni forse quattro!!! Dipende!!!I figli diventano piantine da raddrizzare e bisogna stare attenti a non contrariare troppo per non spezzare il rapporto. Quindi cerca di essere ferma e dura in certi momenti, lascia correre e lascia vivere in altri……pondera, valuta, non esagerare. Lascia fare e controlla da lontano.Non è una passeggiata…..preparati!!!E se ce la fai leggi qualche libro sull'adolescenza di Alberoni, Crepet, Morelli……..qualche buona idea arriva .. certo non soluzioni magiche ma sempre meglio sapere!!!Baci 

  5. marysamba ha detto:

    Ciao Agri.Sto' cosi…In una specie di Limbo…Oggi bene ed il giorno dopo da schifo….Passera' devo solo aspettare.PS Oh mi Dio..e' questo che mi aspetta tra circa 6 anni????? Povera me….Un abbraccio forte e grazie.

  6. mammaoggilavora ha detto:

    urca, e' gia' entrato in adolescenza.Agri, tutta la mia comprensione. Bacio.

  7. utente anonimo ha detto:

    Come va oggi????Lara

  8. smilepie ha detto:

    Sono sicura che stai facendo la cosa giusta x lui…. e poi non si nasce genitori… lo di diventa… provandoci sempre… anche magari sbagliando..importante è mettercela tutta… e tu lo fai già…. lo si legge tra le righe…

  9. ziacris ha detto:

    E' il minimo sindacale…tieni duro

  10. Nettuno76 ha detto:

    Non sono genitore e quindi non posso lasciarti mie esperienze… ma credo che sia il momento di tenere il guinzaglio stretto ed usare qualche volta il giornale per far capire chi comanda… Chiaro che tuo figlio non è un cane, povero, però anche chi addestra i cani, proprio nel momento dello sviluppo sessuale, deve usare il pugno duro altrimenti… nel caso dei cani… avranno il sopravvento…. Buona serata e perdona l'esempio non proprio trasferibile al tuo caso…

  11. ilmaredentrome ha detto:

    nmon lo so se può essere utile ma tutto ciò che descrivi tu a volte accade anche da noi, nel senso che la grande, undici anni, è in pieno periodo preadolescenziale o si sta avviando al centro di questo vortice e turbinio di emozioni che è caratteristico dell'età. Io però non riesco a portare musi, sbraito, dò punizioni, poi mi pento amaramente perche se contassi fino a dieci tutto sarebbe di verso. ma una maniera per far capire a questi ragazzini i loro doveri deve pur esserci….. uff…

I commenti sono chiusi.