la pigrizia delle parole

Succede che si diventa pigri e le parole diventano sempre più rare, la stanchezza ed a volte la sensazione che le parole siano chiare solamente nella  propria testa aiutano il silenzio a prendere casa nell’animo.

Succede che quando pensi che tutto ormai sia stato spiegato e che una soluzione non è stata trovata, ecco che le cose cambiano.

Parole che mai ti aspetteresti arrivano come le più naturali e spontanee e sì forse noi anime umane abbiamo ancora molto da imparare le une dalle altre.

Sorprendersi di sentirsi al centro dei pensieri e capire che forse era solo questione di tempo, erano solo strade diverse destinate ad incrociarsi senza fretta.

Sentire che il tuo silenzio ha parlato più forte della tua voce, affidare ai gesti l’interrogativo di un problema ed avere pazienza.

Attenderne.

Lentamente.

La risoluzione.

bizt1x3f

9 pensieri riguardo “la pigrizia delle parole

  1. Io sono spesso così. Non accetto di portare il peso delle parole che ho dentro e non le lascio uscire. Ma spesso vengo rimproverata dai miei cari perché mi tengo dentro le cose e mi aspetto che gli altri intuiscano dal mio silenzio …

  2. @Eli è vero,anch’io mi aspetto che ai miei silenzi venga data la giusta interpretazione che però spesso nn accade, a volte mi rendo conto di aspettarmi troppo dagli altri

  3. Anche io sono una tipa che si dà tutta agli altri, e molto spesso gli altri…se ne approfittano dando in cambio NIENTE.
    Per fortuna non sempre.

  4. Io ho uno di quei periodi che è meglio se sto in silenzio… ed è così che diserto anche il blog da un pò di tempo… testolina mia fatti capoccia!!!

  5. Forse è proprio quando non ci sono parole che si producono maggiori fatti. Un abbraccio, bellissima immagine.

  6. Se cercavi una soluzione… chissà magari nel frattempo è arrivata…
    🙂

    smile

  7. Succede, a volte mi capita anche di non sapere cosa scrivere sul blog ..
    Buon fine settimana Lucia

  8. io ho imparato a parlare a dire cio’ che non mi piaceva, se no, chi ci stava male ero solo io, gli altri non capivano, o se capivano, era interpretato nel modo sbagliato!!

  9. La natura del sé è il silenzio, come scritto in un vecchio post. Non sempre, logico 🙂 ma a volte aiuta a meglio comprendere e ad essere compresi. Le parole spesso ci impediscono di vedere la soluzione, che magari è lì davanti a noi e chiede solo di essere vista e acchiappata al volo….

I commenti sono chiusi.