tecnica giapponese per le calze

Per la gioia del Marito stasera sono tornata a casa  con un paio di ciabatte nuove invernali.

Sì perchè viaggiavo ancora con le infradito.

Premetto che abitando in un appartamento condominiale in questa stagione potrei girare anche con il prendisole, però le mie estremità sono molto delicate e soffrono parecchio il freddo e così ho adottato la tecnica giapponese che vado a spiegare :

Prendere lembo di calza , infilarla tra l’alluce ed il secondo dito e voilà infilare il piede nell’infradito, il piede rimane caldo nella calza e voi sopperite alla mancanza della ciabatta invernale

L’acquisto si è prolungato perchè una volta  non mi ricordo , una volta  non mi piacciono, una volta  non avevo voglia di provarle e così mi ero ritrovata ad oggi ancora sfornita.

Il Marito diceva che non mi si poteva guardare girare così per casa, però dopo un consulto nello spogliatoio lavorativo ho scoperto che ci sono alcuni mariti che conoscono questa tecnica e così con mia somma consolazione  posso rimandare una visita neurologica…ed il Marito torna a guardare che a dirla proprio tutta io non mi ero mica accorta di questa sua defezione

5 pensieri riguardo “tecnica giapponese per le calze

  1. Son tarda lo so, ma mica ho capito come le infili ste calze con le infradito.. 😛

  2. Io uso le crocs (le imitazioni, non le originali che costano uno sproposito per essere solo delle ciabatte). Sono comodissime. Prima usavo le Flyflot (da uomo) e sembravo un’ospedaliera …

    Un paio d’anni fa andavano di moda i calzini con le dita (io però li trovavo fastidiosissimi, non riuscivo a portarli, nonostante le infradito non mi diano problemi). Magari si trovano ancora … hai pensato di provare con quelli?

  3. Insomma, la tua calza ripiegata urtava il senso estetico del consorte…
    Io, invece, sarei più preoccupata per la scomodità… pensa che non riesco neppure a portare gli infradito estivi Birkenstock, una piccola tortura…
    Buona giornata!

  4. @ Origano in effetti è un po’ contorta la cosa, però pratica anche in una giornata di pioggia primaverile dovei pieddi abbisognano di una calza senza però rifugiarsi dentro il pantofolone
    @Eli le croks non mi piacciono, mi trovo bene con le inBlu
    @Cautelosa anch’io una volta alla sola idea del’infradito avevo una crisi di nervi, poi me le sono imposte perchè ne avevo vista una davvero bella e così ho riscoperto i miei piedi

I commenti sono chiusi.