s-cresima

Siamo reduci dalla giornata di festeggiamento della Cresima di nostra nipote.C’è stato un fuori programma nella cerimonia, il Vescovo prima di dare la benedizione finale a chiamato a caso quattro ragazzi ed ha posto loro domande sul significato della Cresima e altre sempre inerenti al catechismo, ci ha fatto sorridere quando ha sottolineato che alcuni ragazzi rimasti nel banco avevano l’espressione “questa risposta la sapevo” ed altri invece più numerosi “meno male che non ha chiamato me”, ammetto che è stato un momento umano di tutta la cerimonia che come al solito rispetta i canoni previsti dalle regole di celebrazione. Foto e fotine rituali e poi tutti verso il ristorante dove la cortesia e la professionalità sono alte e soprattutto la cucina è davvero ottima, se capitate in zona vi consiglio di provare i risotti, hanno un qualcosa di paradisiaco e provocheranno un’estasi gustativa, comunque tutti  i piatti sono meritevoli di attenzione, per oggi la dieta è stata accantonata anzi ho fatto il bis di dolce, mia nipote aveva scelto la crostata di frutta per la sua festa, ma visto che era disponibile anche un’assaggio di tartufata no ho saputo dire di no ed anzi dopo di me anche altri mi hano seguito nella degustazione. La nostra amata nipote era raggiante e felice della sua festa e contenta dei regali ricevuti, vederla passare a distribuire le bomboniere ed i confetti con gli occhi sorridenti rendeva felici anche noi che le vogliamo un bene immenso.

Per fortuna non era una giornata caldissima e non ho sofferto all’interno della mia camicia

Annunci