Colazione:

Latte p.s. con un cucchiaino d’orzo,  tre fette biscottate e dolcificante

metà mattina

un cappuccino

un’arancia tarocco

Pranzo:

80gr di carpaccio condito con pochissimo olio, limone e una macinata di pepe, con fagiolini cucinati con un cucchiaino di olio, 50 gr di pane

metà pomeriggio

quattro biscotti senza zucchero

un caffè macchiato

Cena

bisteccona di sottofiletto ai ferri, con broccoli

e tanta plin plin

affinita

L’affinità con la dietologa Cecilia non è scattata e così ho disdetto il controllo mensile, un pò perchè mi sentivo in colpa di aver sgarrato sulla tabella di dimagrimento ed anche perchè l’ultima volta aveva iniziato un discorso su dei massaggi all’ozono che sarebbero stati proprio l’ideale da abbinare alla dieta per sciogliere un pò di adiposità nella zona cosce. Ecco forse sono io che m’ impunto, però se già al primo accenno dico di non essere interessata m’infastidisce molto che l’argomento venga ripetuto con insistenza, facendo passare la cosa come un bene essenziale, quando invece sappiamo benissimo che la proposta è fatta per incrementare la sua parcella. Inoltre avendo avuto problemi di tiroide, con i dubbi risolti grazie al consulto di Busto Arsizio, lei è anche endocrinologa ed insisteva per farmi iniziare subito la cura dicendo chiaramente che il medico di Busto non era qualificato per dire la sua sulla mia tiroide, insomma ci sono persone che arrivano dalla Sardegna per farsi curare da questo medico di Busto, non saranno mica cretini! Ormai con il tempo sono diventata abbastanza scettica e guardinga e così ho deciso che i cinquanta euro me li tengo io, che comunque la dietina rimane appesa in cucina e che inizierò l’auto-ipnosi consigliata da Marco…perderò i chili, perderò i chili,perderò i chili, perderò i chili…. 

caldo caldo

Tenendo conto che secondo il consiglio di esperti in materia ( Marco e Orka  ), la mia auto ipnosi  era formulata al contrario ieri è stata una giornata davvero caldissima e meno male! altrimenti non avrebbe funzionato ed io avrei avuto freddo, siamo partiti alle nove orario da sciatori "della domenica"  con un nebbione che solo chi abita in pianura come me può capire la desolante prospettiva di viaggio che ci attendeva, ma poi ecco verso Quincinetto il sole iniziare a fare capolino per poi svelare un meraviglioso cielo terso. Arrivati ad Antagnod gli uomini sono andati ad affittare gli sci e noi donne abbiamo iniziato a pensare al possibile freddo ed invece arrivati sulle piste il caldo ci ha abbracciati benevolo ed il sole stupendo ci scaldava tanto che siamo state solo con il pile a predere il sole. Il principino era esaltatissimo ed avrebbe saltato volentieri la pausa pranzo, lui era affidato al nostro amico molto più esperto del Marito che sì scia però non è in grado di controllare anche il principino, anzi forse è il piccolo che consiglia il papà avendo fatto due corsi invernali con i maestri di Pila e Champorcher, Ma tornando a me,con l’amica ci siamo spalmate di crema, agguantato due sdraie, termos di the caldo da sorseggiare e ok adesso la montagna era veramente confortevole.  

pista sci

…però sono sincera, mi piacerebbe provare lo sci di fondo perchè più guardo le piste e più mi convinco che non sono adatta a sentirmi in obliquo, ma mi sento portata a rimanere verticale  naturalmente sempre con  un maestro…vedremo prossimamente visto che ci sono in programma ancora un paio di domeniche e questa volta cercherò di fare la giusta autoipnosi…

auto ipnosi

non avrò freddo,non avrò freddo,non avrò freddo, non avrò freddo,non avrò freddo, non avrò freddo, ho il pile nuovo pesante, non avrò freddo,non avrò freddo, le calze termiche,non avrò freddo,non avrò freddo, non avrò freddo, il termos con il tè caldo, non avrò freddo, non avrò freddo….e se poi mi viene freddo???non avrò freddo, non avrò freddo, sono 1800mt, ma non avrò freddo, non avrò freddo….

antagnod

dieta-si-dieta-no

Stamani mi sono svegliata abbastanza incazzata con me stessa, dopo un mese di dieta e sacrificio cibario ho buttato tutto al vento nel giro di dieci giorni, sì perchè credevo di avere tutto sotto controllo e così finite le feste mi sono ritrovata al punto di partenza come se i tre chiletti non li avessi mai persi e fossero stati un’utopia della mia bilancia, un’errore di grammatura.

Così mi sono guardata in faccia e mi sono data della cretina, perchè insomma a 36 anni non si può essere piazzate come una bambina che non ha forza di volontà, con i kiletti in meno mi piaccio molto di più ed allora porca miseria perchè non resistere? se ce la fanno quelli che smettono di fumare perchè non dovrei farcela io? che poi la dietina famosa della Cecilia è veramente un’amore non si muore certo di fame è solo questione di testa, della mai bacata cervella che mannaggia mi richiama come una sirena verso gli sgarri cibari, adesso penso di disdire l’appuntamento di controllo anche perchè spendere 50 euro per sentirmi dire che devo stare più attenta mi sembra davvero uno spreco e accidenti a me adesso voglio proprio vedere chi vince se la gola o la mia forza di volontà.

p.s. oggi ho deciso di fare una giornata di digiuno, solo liquidi, spremute di arancie e centrifugati per sgonfiarmi un pochino, anche perchè domani giornata in montagna e i pantaloni da sci "tirano" un pò troppo

 

dieta