Il tuo sorriso, le telefonate appena iniziata la cena, la tua risata cristallina, la stessa voce dolce di quando eri ancora bambina, le collane colorate, il bastone che segna il tempo dei tuoi passi, i baci cercati e voluti con affetto, le tue insistenze, il tuo impuntarti sulle opinioni, la stella di natale al centro del tavolo, la settimana enigmistica e tv sorrisi e canzoni, la merendina mangiata di nascosto, i pacchetti regali scartati con curiosità, il balcone pieno di fiori colorati, le tue piante grasse…

Sono passati solo due anni e tutto di te ci manca ancora immensamente…

candele_viola

che-freddo

Stamani siamo usciti alle otto io ed il principino per andare a scuola, ed abbiamo sentito subito il freddo pungente, il Marito ha carinamente preso lui la macchina ghiacciata e lasciato a noi quella "calda" nel garage. Per strada una disquisizione sulle stagioni ed il loro inizio, ormai è certo il principino ha buona memoria come la sua mamma, si ricorda perfettamente le date delle stagioni materia di studio dello scorso anno.

Abbiamo incrociato tantissime macchine con il solo oblò nel vetro anteriore, ed ai lati il finestrino abbassato per riuscire a vedere la strada, esperienza questa sperimentata anche da me lo scorso anno, con il principino nel sedile posteriore che se la rideva di gusto per il viaggio insolito a cui l’avevo sottoposto, a dire il vero era già un mezzo miracolo che la macchina fosse partita la mia vecchia uno rap con ancora l’aria da tirare era sempre molto sù di giri ed ogni mattina speravo che l’aggeggio dell’aria non mi rimanesse in mano 

mattina freddolosa

piccolo scorcio dalla finestra del mio bagno, con i tetti dei garage e delle case ancora bianchi

come-cenerentola

…ho finalmente passato la cera sul parquet, erano mesi che ormai rimandavo.

Oggi il fuoco sacro domestico si è impossessato di me e così ginocchia a terra e vai di cera, non contenta ne ho passato anche un secondo strato così è più resistente al solo lavaggio, certo la soddisfazione è tanta però uff.. che fatica.

Babbo Natale regalami una scopa magica che faccia tutto da sola

cene2_small

in-ordine-succede-che

…ieri sera c’è stata la cena della squadra di calcio del principino, il mangiare non è degno di segnalazione ma il locale era adatto a ventiquattro bambini di nove anni scatenati e vocianti, infatti è un ristorante -discoteca dove verso la fine anche qualche mamma si è scatenata con i balli di gruppo (avete presente quelle donne che escono solo l’otto marzo? e fanno le matte?). Da oggi sono in ferie sino al sette Gennaio, devo ancora pensare al regalo per la mia amica G purtroppo la sua gravidanza non procede come dovrebbe, in questi giorni dovremmo sapere il responso ed in base a quello deciderò il mio pensiero per lei anche se quello che lei desidera più di ogni cosa al mondo non sono in grado di regalarglielo, tutto il resto sono solo palliativi. Devo incartare ancora un paio di regali e preparare il biglietto con la indicazioni per la caccia al tesoro del principino, quest’anno come avevo già detto non crede più a Babbo Natale, ma lui ama molto le sorprese e così ci ha chiesto di fare come per le uova pasquali, nascondere i regali e fare acqua e fuoco, allora mi è venuta l’idea di preparare invece una caccia al tesoro con le varie indicazioni su dove trovare i regali lasciando per ultimo il più atteso ed agognato, Devo ancora stabilire le portate del pranzo di Natale, anche se una piccola bozza è già stilata deve perfezionarne i dettagli, il mio pranzo è sempre stato molto apprezzato dai vari nonni della famiglia introducendo sempre una portata novità accanto a classici intramontabili, Sono riuscita a prendere all’ultimo momento appuntamenti parrucchiera ed estetista e nel calendario in questa settimana è tutta una scritta di matita che il Marito mi ha chiesto se mi ero messa a lavorare all’onu.

Posso farcela anche quest’anno!

di corsa

ma-che-tempo-fa


Ma che accidenti di freddo c’è stamani??

Il sole è ingannatore, ma le piante si muovono e così dagli spifferi che entrano dai serramenti non proprio di primo pelo intuisco che fuori c’è un freddo pungente.

Rabbrividisco al solo pensiero di dover uscire.

Preghiera :

Fuoco sacro dei lavori domestici prendi possesso di me,

in modo che io rimanga a casa a strofinare il pavimento

ed abbia così la scusa per uscire dopo pranzo,

fammi raccogliere i vestiti dallo stendino,

arma la mia mano con il ferro da stiro

in modo che i suoi vapori

 riscaldino i miei arti freddolosi