Piccolo pensiero della sera,

Stavo appiccicando le ultime etichette sui pastelli nuovi del principino, lui era già a letto stanco della partita pomeridiana, chiacchieriamo ancora un pò e poi mi alzo per salutarlo.

Un pò di bacini e bacetti perchè anche se lui è principe io sono la Mamma ed a me è permesso coccolarmelo come un cucciolo e lui il mio ometto mi chiede

-Mamma sei fiera di me?

-Amore, io e papà siamo orgogliosi di te

Si è girato,  ha sussurrato un grazie con un grande sorriso ed ha abbracciato il suo orsetto, mettendosi in posizione per una notte piena di sogni bellissimi

Ecco, sono questi i momenti che vorrei ricordare per tutta la vita

buona notte!

Angelobamb

 

lezioni di vita

Il principino oggi ha imparato una grande lezione di vita.

Ovvero farsi i  ***zi propri.

Stamani mi ha detto che una delle bambine con cui gioca in cortile ha registrato la voce della sorella e la usa come avviso quando le arriva un sms.

Ho voluto provare subito.

Ho registrato la sua vocina "mamma, mamma è arrivato un messaggio. ciao"

Funziona! e così cuore di mamma ho lasciato il tono di avviso sms, anche se lui si  sente timido all’idea che altri lo sentano

Il suo commento è stato " ma perchè non me ne sto mai zitto!"

Bambino mio questo si chiama non farsi i *zi propri.

Ovviamente non gli ho detto così, ma il principio è quello, ed è una lezione di vita da impare il più velocemente possibile

squola

Stamani è stato il mio terzo passaggio settimanale in cartoleria per ritirare i libri scolastici.

Attesa di venti minuti.

Ok sono arrivati tutti, solo che per usufruire della splendida invenzione di Colibrì (la copertina trasparente),ovvero risparmiarsi la rottura di litigare con le copertina e lasciare l’incombenza al cartolaio devo ripassare stasera…

il principino e il calcio

In principio fu il karate.

Arrivò fino alla cintura blu, la sua società aveva la strana idea di dare le cinture con il minimo del tempo per tenerli nella marrone fino al raggiungimento dell’età per l’esame di nera.

A parer mio era perfetto per lui.

Il principino è di carattere molto preciso e meticoloso (capricorno), e lui curava i movimenti delle mani e dei suoi calci con vera passione.

Purtroppo però hanno deciso di non tenere separati i bambini dagli adulti e così capitava che vi erano dei tempi morti fra un’esercizio e l’altro e subentrò la noia.

In seconda fu il calcio.

Si scoprì portiere ad una festa di compleanno, è veramente bello vedere come si butta a terra con eleganza e scioltezza, un’istinto naturale.

Lo scorso anno giocava qui in residenza, ma l’ambiente purtroppo non era ben gestito ed il culmine è stato alla fine di un torneo in cui sono arrivati quarti su otto squadre, ma avendo preso l’ultimo gol un suo compagno che già da qualche mese gli dava il tormento ha continuato a dargli la colpa, quando invece la settimana precedente aveva invece salvato il risultato e sempre da questi veniva osannato a campione, il finale è stato che si sono spintonati nello spogliatoio mentre all’interno c’era solo un genitore che aiutava per le doccie. L’allenatore era assente, come lo era stato per tutto il tempo del battibecco ed anche nei precedenti non riuscendo a creare “la squadra”

In terza quest’anno la squadra è di una città vicina, dove da mesi l’aspettavano, ha tanto da imparare poichè rispetto agli altri portieri gli mancano delle basi tecniche che in un’anno qui non gli hanno mai insegnato, ma al principino piace tuffarsi ed alla fine l’importante è che si tuffi con la gioia di fare quello gli piace ed in un clima sereno.

Ed io spero solo che sia un’inverno mite, senza troppi nebbioni e gelate.

Poichè il karate era nei palazzetti.

Il calcio è all’aperto.