uno sporco lavoro

Ecco sono quasi alla fine.

Ancora pochi minuti e la mia missione sarà finita.

E’ stato uno sporco e freddo lavoro, ma qualcuno doveva farlo,ed io ho il tatto e le mani piccole per infilarle anche negli anfratti più nascosti.

Ho dato lo sfratto ad un villaggio di eschimesi con i loro igloo che si era piazzato nel mio frezeer, orami era imposssible continuare avevano continue richieste di spazio,ed al piano inferiore c’erano i pinguini separati da un sacchetto di pollo dagli orsi.

Quindi la decisione estrema.

Via tutti.

Armata di idranti ad acqua calda e paletta rompi ghiaccio ho fatto piazza pulita e via tutti nello scarico del lavandino.

Adesso attrezzerò la struttura per un parco giochi verde ed angolo animali da cortile.

Senza nome

anima e nuvole

L’anima mia ha nuvole che vagano,

improvvisi temporali si rovesciano

sul territorio circostante

pioggia di lacrime, annacquano le parole.

 

Gli occhi gravi si studiano,

con circospezione sospetta

chi nasconde  mezze verità

è forse mentitore di se stesso?

 

Seriamente sorridiamo di debolezze

riconosciute, ma non rivelate

convenzionale silenzio di parole non dette,

tacito assenso di sentimenti inespressi.

ron scott